Sembra che i produttori di TV abbiano un sacco di pepe nel culo, perché improvvisamente è molto veloce con la tecnologia. La funzione TV di questo mese si concentra quindi su QD-OLED e Micro-LED, i successori dei tradizionali pannelli OLED che sono ora nei negozi.

Voci Samsung QD OLED

Avviso di voci! Proprio come nel Night Watch, mi piace iniziare con una bella voce, con Samsung in testa in questo caso. Samsung ha perso la barca OLED, per così dire, e negli ultimi anni si è concentrata sui televisori QLED, che sono più che buoni rispetto allo scorso anno. Tuttavia, ci sono voci secondo cui Samsung rilascerà ancora TV OLED, i cosiddetti TV QD-OLED.

Il QD sta ovviamente per il filtro Quantum Dot che Samsung utilizza nei suoi televisori LCD, che fornisce una maggiore luminosità e soprattutto una gamma di colori più ampia, per un display HDR stretto. Il problema più grande con OLED è che la luminosità di almeno 1000 nit e la copertura del colore DCI / P3 al 100% non possono essere raggiunte e Samsung potrebbe cambiarlo con la sua tecnologia Quantum Dot.

Inoltre, l’intera tecnologia alla base di questi televisori OLED sarebbe completamente diversa dagli attuali televisori OLED, quindi Samsung evita i brevetti di LG. Questo, in combi___one con Quantum Dot, dovrebbe fornire ai televisori OLED una luminosità di picco più elevata e una gamma di colori più ampia. Suona bene!

Il problema che ha Samsung è che ci deve essere una sorta di passaggio intermedio prima che Micro-LED possa diventare mainstream. Il micro-LED è sicuramente il futuro e dovrebbe essere il successore di OLED, ma è ancora troppo costoso per la produzione di massa. Si dice che questi televisori OLED QD saranno rilasciati all’inizio del 2019 con una rivelazione al CES a gennaio.

Samsung conferma i televisori 8K per il 2018

L’intero evento QD-OLED è ancora voci, ma ciò che è certo è che Samsung rilascerà televisori 8K quest’anno. Si parlava già di questo, ma ora è stato confermato anche dalla stessa Samsung, in un evento speciale a Los Angeles la scorsa settimana. Si tratta di 2 serie, la prima delle quali dovrebbe essere nei negozi quest’anno.

I dettagli completi non saranno annunciati fino all’IFA di Berlino alla fine di agosto, ma quello che sappiamo già è che c’è una grande differenza tra i televisori 8K pianificati. La prima serie è quindi intesa come fiore all’occhiello e la seconda serie come TV a prezzi accessibili, ovvero la prima TV 8K per le masse. La TV 8K prevista per la fine di quest’anno dovrebbe essere disponibile nei modelli 65, 75, 82 e nel 2019 anche un modello da 92 pollici e ottenere un pannello da 120Hz. Inoltre, questo televisore avrebbe il supporto per la copertura completa della gamma di colori BT.2020, supporto per la profondità di colore a 12 bit e qualcosa che Samsung chiama “Next Gen HDR”, o almeno 4000 nit di luminosità. Sulla carta, questo è quasi il perfetto TV LCD, anche se continuo a dire che la risoluzione 8K non è molto per noi per il momento.

La seconda serie dovrebbe essere disponibile in 65 e 75 pollici e avrà un pannello a 60Hz e probabilmente non avrà le caratteristiche di fascia alta della prima serie. Se tutto va bene, potremo davvero ascoltare tutti i dettagli all’IFA.

In ogni caso, l’IFA sarà più eccitante che mai, perché Sony sta ora lavorando anche su fantastici televisori 8K, LG sta portando con sé prototipi di TV OLED 8K e quasi tutti i produttori stanno già lavorando su TV Micro-LED, che si spera brilleranno. al piano espositivo. Ancora qualche mese di pazienza!

Marchi LG Micro-LED

Parla di Micro-LED! LG è il re quando si tratta di pannelli OLED, ma il produttore coreano sta già guardando oltre il suo naso al successore di OLED. Sembra che Micro-LED subentrerà a OLED e LG ha già registrato una serie di brevetti.

Riguarda True µLED, QµLED e MµLED. Il “µ” sta per micro, che si riferisce chiaramente alla tecnologia alla base di questi televisori. Proprio come OLED, Micro-LED è un “display autoemittente”, in cui i pixel stessi emettono luce e quindi non è necessaria alcuna retroillumi___one. Micro-LED ha quindi tutti i vantaggi dell’OLED, come il fantastico valore del nero, ma elimina anche tutti gli svantaggi dell’OLED come la luminosità e la gamma di colori. Sulla carta, Micro-LED è una sorta di TV di nuova generazione, senza inconvenienti. Sì, a parte il cartellino del prezzo, probabilmente.

Poco si sa dei TV Micro-LED di LG, ma anche qui ci si aspetta che avremo maggiori informazioni all’IFA, con forse anche una serie di prototipi per dimostrare di cosa è capace la tecnologia.

Hisense nei Paesi Bassi

Fino a poco tempo, nei Paesi Bassi abbiamo notato poco dell’intero progresso dei produttori cinesi, che stanno rilasciando televisori in massa. Negli Stati Uniti, ad esempio, è diventato abbastanza normale negli ultimi anni che si possano acquistare televisori di produttori come TCL, LeEco, Xiaomi e Hisense. I produttori sono stati impegnati per un po ‘per rendere possibile la vendita dei televisori in altre parti del mondo e TCL e Hisense in particolare stanno facendo buoni passi avanti.

Ad esempio, i primi televisori Hisense stanno arrivando nei Paesi Bassi, che saranno presto venduti. Verranno rilasciati diversi modelli, ma il primo sarà l’ULED N6800, una TV con pannello LCD VA, risoluzione 4K, supporto per HDR 10 e HLG e un processore quad-core. La TV sarà disponibile in 50, 55 e 65 pollici.

Ora ti sento pensare, chi vuole una TV così cinese da un marchio di cui non abbiamo mai sentito parlare qui, ma non fare errori, spesso sono migliori di quanto pensi! I pannelli nei televisori sono spesso gli stessi di quelli del concorrente, solo il software è diverso. Non fraintendetemi, il software è assolutamente migliore presso i principali produttori come Sony, Samsung, LG e Panasonic, il che si traduce in immagini più belle, soprattutto nel flusso di movimento, ma paghi anche molto per il marchio stesso, puramente perché un logo Sony o Samsung su di esso.

Questi tipi di TV cinesi non raggiungono la riproduzione perfetta di una TV di punta dei noti produttori, ma nel segmento medio, questi marchi cinesi danno molta resistenza. Giusto per illustrare, la versione da 65 pollici di Hisense ULED N6800 dovrebbe essere nei negozi per meno di 1000 euro ed è appena inferiore a una TV di fascia media di Sony o Samsung, per la quale bisogna pagare il doppio. La concorrenza è sempre buona per il prezzo comunque, quindi forza con quei marchi cinesi qui nei Paesi Bassi!

Categorized in: