È ufficiale: Call of Duty ritorna nell’ambientazione della Seconda Guerra Mondiale. Simon aveva già il permesso di guardare il gioco, fornendoci dettagli esclusivi di Call of Duty: WWII che non puoi leggere da nessun’altra parte.

Sono le 19:00, il che significa che Call of Duty: WWII è attualmente svelato da activision. Mentre metà del mondo è incollato allo schermo per vedere dove lo sviluppatore Sledgehammer sta guidando il franchise di sparatutto, puoi leggere i dettagli esclusivi del gioco e visualizzare i primi screenshot qui. L’editore di PU Simon ha già visto il gioco in azione e si è espanso con alcuni sviluppatori per chattare.

Nonostante tutte le fughe di notizie, nulla è stato confermato su Call of Duty: WWII. L’unica cosa che sappiamo con certezza è l’ambientazione in cui si svolge, perché il gioco ritorna alle “radici” del franchise: la Seconda Guerra Mondiale. Fino ad oggi, perché Simon è stato in grado di estrarre molti dettagli dagli sviluppatori durante il suo evento di anteprima, che può essere letto nel prossimo Power Unlimited.

Una seconda guerra mondiale come la conosciamo

Call of Duty: WWII avrà ovviamente una vasta campagna per giocatore singolo e secondo Simon vivrai la seconda guerra mondiale in modo tradizionale. Durante la storia, viaggerai con gli Alleati attraverso aree come Francia e Belgio, verso Aquisgrana in Germania. Deve essere una storia personale che impressiona il giocatore.

Tutto questo suona come qualcosa che ogni sviluppatore che lavora al gioco della Seconda Guerra Mondiale vorrebbe ottenere, ma Sledgehammer dice che ingrandisce il lato umano della guerra. Devi ricordare tutti i nomi e i personaggi dopo aver giocato la campagna. Ma è sufficiente per rilanciare nuovamente la popolarità in declino del franchise?

Ciò che sarà speciale in ogni caso è il fatto che la storia è raccontata da molteplici aspetti. Il personaggio principale si chiama Red e sembra che finisca con diversi gruppi all’interno degli Alleati. In questo modo vivrai la storia a un certo punto dal punto di vista della resistenza francese e non tutti i tedeschi che incontrerai sono pronti a morire. Sledgehammer si espande:

Il nostro obiettivo era capire tutto su tutti i lati. Quello che abbiamo imparato dalle nostre conversazioni con i tedeschi è che molte persone hanno detto ‘Non ero affatto un N ** i. Sono orgoglioso di essere tedesco e di essere nell’esercito, ma non ero davvero un N ** i. ‘Facciamo questa distinzione. Ci sono pezzi nel gioco che i soldati tedeschi ti aiutano o che salvi tu stesso una famiglia tedesca. Troviamo queste sfumature davvero importanti.

Un Call of Duty come non lo conosciamo più

Con una nuova impostazione arriva un nuovo gameplay. Secondo Simon, questo era anche l’obiettivo principale degli sviluppatori; ora lo fanno completamente diverso dal solito. È quindi un grande passo dal futuristico Call of Duty: Advanced Warfare, dove le tute esotiche trasformano ogni soldato in una vera macchina per uccidere, a Call of Duty: WWII dove non hai più questo lusso.

Quindi sarà un Call of Duty completamente diverso da quello a cui siamo abituati. Simon descrive una missione in cui la Normandy viene presa d’assalto come “caos”, nonostante il fatto che pochi proiettili vengano sparati dal giocatore. In un’altra missione c’era questa sensazione intima simile, strisciare attraverso le trincee con i cadaveri dei tuoi commilitoni caduti tutt’intorno a te. Sledgehammer dice di questo:

Lo faremo in modo leggermente diverso ora. Non vogliamo che questa volta ti senta un super soldato. Non puoi semplicemente alzarti e dirigere dieci proiettili e falciare il nemico. Volevamo creare un tipo diverso di COD, quindi questa volta devi collaborare con il tuo plotone. Il lavoro di squadra è importante.

Quindi questa evoluzione da super soldato che non ha nulla da temere alla fanteria che deve schivare ogni proiettile mentre cerca di salvare le vite dei suoi fratelli e lasciarsi molto alle spalle allo stesso tempo è grande. Ciò non significa che non ci siano missioni in cui occasionalmente si spara a un gruppo di tedeschi. Simon non sembra essere sicuro se pensa che questo si adatti o meno al gioco.

Una modalità multiplayer più social e cooperativa standalone

Mentre il focus della presentazione era sul single player, Simon ha anche imparato alcune cose sulla modalità multiplayer. Ben presto divenne chiaro che il gameplay del single player trabocca in quello del multiplayer. Sei un soldato normale senza aggiornamenti o armi bizzarre.

Ci sarà anche una nuova modalità di gioco chiamata la battaglia tra l’Asse e gli Alleati. Simon scommette che sarà paragonabile alle modalità Rush che conosciamo da Battlefield. Due squadre si sfidano e cercano di spingere gli avversari il più lontano possibile.

La modalità multiplayer sarà molto più social di quanto siamo abituati. Il multiplayer di Call of Duty: WWII avrà uno spazio sociale chiamato “Headquarters”, dove i giocatori potranno muoversi liberamente, comunicare tra loro e guadagnare oggetti. Suona un po ‘come la Torre di Destiny, quindi.

Oltre alle modalità single e multiplayer, è stata ufficialmente confermata anche la modalità cooperativa. È una modalità completamente autonoma con un “nuovo oscuro nemico”. Sfortunatamente Simon non ha ricevuto ulteriori dettagli al riguardo, ma Sledgehammer ha promesso che presto arriverà un annuncio.

Quindi sembra tutto molto promettente. Se vuoi saperne di più su ciò che Simon ha visto all’evento e cosa ne pensava, dai un’occhiata al prossimo Power Unlimited! Call of Duty: WWII uscirà su PC, Xbox One e PlayStation 4 il 3 novembre.

Categorized in: