Molte persone vogliono eseguire il root degli smartphone Android in modo da poter installare varie app di terze parti o superare alcune limitazioni del sistema, solitamente messe in atto dai produttori di hardware e dai gestori.

Mentre alcuni telefoni possono essere rootati, la maggior parte di essi no. Esistono alcuni modi semplici e gratuiti per verificare se si dispone di un telefono rooted. In questo articolo troverai tre metodi, due dei quali infallibili e uno che potrebbe essere situazionale, a seconda del modello del tuo telefono.

Che cos’è il rooting?

Da non confondere con il jailbreak (su dispositivi iOS), è un metodo per sbloccare un dispositivo Android al fine di concedere all’utente il controllo privilegiato o l’accesso root. È come avere i privilegi di amministratore su un sistema operativo basato su Windows o Linux.

Controlla attraverso le Impostazioni

Tieni presente che questo metodo potrebbe non funzionare su tutti i telefoni Android.

  • Vai alle impostazioni.’
  • Individua e tocca “Informazioni sul telefono”.
  • Vai a “Stato”.
  • Controlla lo “Stato dispositivo”.
  • La maggior parte dei nuovi smartphone dovrebbe avere uno stato di dispositivo ufficiale. Ufficiale significa che il software non è stato manomesso e il dispositivo non è rootato.

    Vedere un tag personalizzato sotto lo stato del dispositivo di solito significa che il tuo telefono è rootato.

    La scheda di stato del dispositivo può essere diversa da un modello all’altro. Pertanto, se vedi un tag ufficiale, di solito è meglio controllare il sito Web del produttore e vedere se il telefono viene rootato o meno.

    Usa l’app Root Checker

    L’app Root Checker è un’app di terze parti che puoi scaricare gratuitamente da Google Play o pagare per una versione Pro più elaborata. Qualunque versione tu scelga, dovresti essere in grado di determinare lo stato di accesso root sul tuo telefono.

  • Vai al Play Store.
  • Tocca la barra di ricerca.
  • Digita “controllo radice”.
  • Tocca il risultato semplice (gratuito) o il root checker pro se vuoi pagare per l’app.
  • Tocca installa e poi accetta per scaricare e installare l’app.
  • Vai alle impostazioni.
  • Seleziona App.
  • Individua e apri Root Checker.
  • Tocca il pulsante “Inizia”.
  • Tocca “Verifica root” una volta che l’app ha determinato il modello del tuo telefono.
  • Dovrebbero essere necessari solo pochi istanti prima che l’app determini lo stato di accesso root del tuo telefono. Una volta che lo sa, verrà visualizzato un messaggio che indica chiaramente se si dispone o meno dell’accesso come root.

    Usa l’emulatore di terminale

    L’app Terminal Emulator è stata progettata per offrire agli utenti un emulatore di terminale Linux completo su dispositivi Android.

    È un buon modo per esercitarsi nell’uso dei comandi o per sfruttare appieno i vari comandi abilitati sui telefoni con root.

  • Vai al Play Store.
  • Tocca la barra di ricerca e digita “Emulatore terminale”
  • Tocca Installa e accetta.
  • Vai su Impostazioni e trova l’app Terminal Emulator.
  • Tocca l’icona per aprire l’app.
  • Nella finestra del terminale digita “su” e quindi tocca Cerca o Invio.
  • Il “su” è la riga di comando del superutente. Se il tuo telefono è rootato, dovresti essere in grado di vedere il $ trasformarsi in un # nella riga di comando. In caso contrario, o se ricevi un errore con “comando non trovato”, significa che il tuo telefono non è rootato.

    Tieni presente che né l’emulatore di terminale né le app Root Checker possono eseguire il root di un dispositivo Android. Esistono altre app di terze parti che ti consentono di farlo.

    Vantaggi di un telefono Android con root

    Ci sono alcuni pericoli legati al rooting di un telefono Android. Principalmente perché quando gli utenti iniziano a frugare tra varie funzioni del telefono, è possibile causare un malfunzionamento completo del sistema o, in altre parole, si potrebbe danneggiare il telefono se non si sa cosa si sta facendo.

    Questo di solito accade quando gli utenti cercano di spremere troppe prestazioni dai loro telefoni, spingendo i componenti oltre i loro limiti o quando installano un nuovo firmware che potrebbe non essere completamente supportato.

    Detto questo, ci sono anche alcuni vantaggi considerevoli quando si tratta di avere un telefono con root. Se non si scherza con i processi di sistema essenziali, c’è molto che puoi fare per personalizzare e migliorare le prestazioni del telefono da altre aree.

    Più controllo

    Immagina un telefono Android con root come un PC desktop. Puoi praticamente configurare un desktop come preferisci, purché tutti i componenti siano compatibili. Il rooting può persino darti accesso all’overclocking o all’underclocking dei componenti CPU e GPU del telefono. Puoi potenziare le prestazioni o attenuarle in modo che il tuo telefono invecchi più lentamente.

    Ulteriori vantaggi includono il controllo completo dell’applicazione. Ciò significa essere in grado di eseguire il backup, ripristinare, rimuovere e aggiungere tutto ciò che desideri, inclusa la modifica delle applicazioni in batch.

    Puoi anche rimuovere alcuni processi di sistema indesiderati e non necessari preinstallati. Questi sono comunemente indicati come bloatware. Questi tipi di processi sono simili ai processi di sistema di Windows e alle app preinstallate che consumano una grossa fetta di risorse senza offrire nulla di valore all’utente.

    Più opzioni di personalizzazione

    Una delle cose più belle dell’avere un telefono con root è il livello di personalizzazione che puoi ottenere riguardo a tutto, dai temi alle animazioni e tutto il resto, comprese le icone.

    La maggior parte degli smartphone ha opzioni di personalizzazione limitate. Ad esempio, non puoi modificare le animazioni della schermata di caricamento su telefoni senza root.

    Domande frequenti

    Posso annullare il root di un dispositivo Android?

    Assolutamente! Se devi eseguire un aggiornamento del sistema, devi prima rimuovere il root del tuo dispositivo. Fortunatamente, non è troppo difficile. Se vuoi rimuovere il root dal tuo dispositivo, dai un’occhiata a questo articolo.

    Posso vedere se il mio telefono è rootato senza un’app?

    Sì. Puoi passare attraverso le impostazioni come mostrato sopra, oppure puoi cercare nel cassetto delle app un’app di rooting. Queste app sono necessarie per eseguire il root del telefono in primo luogo.

    Apri il cassetto delle app sul dispositivo Android e usa la barra di ricerca per cercare “SuperSu” “Dr. Fone’ o un’altra app di rooting.

    Non impazzire troppo per l’accesso root

    Anche se è bello avere uno smartphone con root su cui puoi teoricamente fare quello che vuoi, rispetto agli utenti normali, è meglio fare attenzione o almeno informarsi su cosa dovresti e non dovresti cambiare.

    Se hai dei suggerimenti su come migliorare le prestazioni sfruttando l’accesso root, lascia un commento nella sezione commenti qui sotto e non dimenticare di specificare a quale modello di smartphone Android si riferiscono questi suggerimenti.

    Categorized in: