Dopo un anno di ritardi dovuti alle conseguenze di COVID-19, ci ritroviamo con i film che sembrano i preferiti per gli Oscar 2021.

Che anno raro per giocare a indovinelli! Il 2020 è stato un anno tremendamente negativo per l’industria cinematografica con ritardi continui, popolazione confinata a intermittenza e un vero e proprio relitto per le sale cinematografiche.

La raccolta è precipitata, ci sono stati cinema che hanno chiuso volontariamente per mancanza di afflusso di pubblico e altri che non hanno un futuro affatto assicurato viste le continue restrizioni e la paura della popolazione.

Con questi vimini, e tenendo conto che molti film sono stati distribuiti su piattaforme e / o in un modello misto (un paio di settimane nelle sale e poi sulle piattaforme), che è stato, ad esempio, il metodo preferito di NetflixVedrai che tra i preferiti ci sono molti nastri che altri anni sarebbero stati lasciati fuori dalle piscine.

Come vi abbiamo già detto nel nostro speciale sulle grandi polemiche del 2020, la politica estremamente conservatrice dei distributori ei continui ritardi hanno portato a sprecare a cascata molte anteprime, ma anche le nuove produzioni stanno subendo le nefaste conseguenze che ne derivano. pandemia di coronavirus da cui ancora non si vede un chiaro orizzonte di uscita.

Avanti, è difficile sapere dove andranno gli scatti quest’anno, ma suonano con grande forza Nomadland, Il padre, Una giovane donna promettente, Una notte a Miami, Notizie dal grande mondo, Il processo Chicago 7, Mank, Tenet (a Nolan che gli danno il premio direttamente per essere stato l’ultimo grande difensore del grande schermo) e altri più minoritari come Sound of Metal, Minari o Da 5 Bloods. Vedremo…

Comunque sia, il grande galà del cinema arriverà come ogni anno, a Dolby Theatre di Los Angeles, anche se non lo farà come tradizionalmente ogni febbraio ma con una data più primaverile in mente: Il galà degli Oscar si terrà il 25 aprile 2021. Le candidature saranno annunciate il 15 marzo.

Peculiarità? Alcune! Sarà la prima volta che le produzioni premio Oscar verranno rilasciate in due anni consecutivi dal sesto gala, tenutosi nel 1934. Non sarà necessario aver superato sale commerciali per un film da nominare agli Oscar. Quest’anno ci sono anche quelli che avevano programmato di passare attraverso il grande schermo, ma che non hanno potuto evitare di essere rilasciati in streaming o in formato fisico. Questo provvedimento, a quanto pare, è puntuale, e una volta ristabilita la normalità nella distribuzione dei film (incrociamo le dita perché sia ​​così e recuperiamo un circuito sfiorato dalla morte), la sua prima nelle sale sarà nuovamente un requisito essenziale per essere in grado di raggiungere la nomina.

La cerimonia aspira ad essere faccia a faccia al 100% nel 2021 e il responsabile dell’evento sarà … sì, amici, Steven Soderbergh, direttore del Profetico Contagio. Il cerchio si chiude … Su quali film scommetti?

Categorized in: