Dopo i primi annunci e trailer di Medal of Honor: Above and Beyond, preparato per gli occhiali VR, speravo di ottenere un gioco che mi avrebbe letteralmente fatto saltare in aria le pantofole. Tanto più perché il talentuoso studio Respawn Entertainment se ne è preso cura ei piani erano incredibilmente ambiziosi. Sfortunatamente, non ne è uscito molto, come imparerai nella recensione qui sotto.

Dopo l’ottimo Half-Life: Alyx uscito a marzo di quest’anno, che ho avuto il piacere di recensire, stavo aspettando un gioco altrettanto perfetto in termini di immersione e raffinatezza nel mondo della realtà virtuale. Medaglia d’onore al di sopra e al di là è stato un altro titolo per cui ho affilato i denti, perché non solo aveva un bell’aspetto sui trailer, ma anche l’atmosfera della seconda guerra mondiale e molta azione cinematografica sembravano essere una scelta letteralmente perfetta per il vasto mondo della realtà virtuale. Quando finalmente il titolo mi ha colpito, c’è stato il primo stridio, che ha complicato un po ‘il gioco e mi ha costretto a cercare soluzioni insolite o ulteriori spese.

Medal of Honor: Above and Beyond e requisiti hardware spaziali

Qualche tempo fa abbiamo informato che sono necessari quasi 340 GB di spazio libero su disco per eseguire MoH su VR. Fortunatamente, gli sviluppatori sono andati in testa e hanno ridotto questo valore a 180 GB un po ‘più convenienti. Sì, questo è esattamente lo spazio necessario per installare questo gioco. Quel che è peggio, è meglio farlo su SSD, perché qui ci sono tempi di caricamento molto lunghi e se usi HDD a casa, devi prepararti per molti minuti di attesa. Altrettanto assurdi sono i requisiti hardware minimi e consigliati. In entrambi i casi, secondo gli sviluppatori, avremo bisogno di un processore i7-9700, 16 GB di RAM e almeno la GTX 1080, anche se si consiglia una RTX 2080 molto fresca. A peggiorare le cose, non c’è giustificazione per tali valori: il gioco non impressiona in termini di grafica ed è tutt’altro che ideale, ma ci arriveremo più tardi.

Ho giocato su una piattaforma potente, dotata di un processore i9-9900K overcloccato a 5 GHz, 16 GB di RAM e una scheda grafica RTX 3080. Ho anche utilizzato un SSD su un connettore NVMe con una velocità di lettura di oltre 3000 MB / s, che ha permesso di accorciare notevolmente le schermate di caricamento e migliorare il comfort di gioco. Con queste specifiche, non ho avuto grossi problemi a ottenere un’immagine fluida, ma sono rimasto deluso dalla grafica generata, che ricorda i tempi della fine della PS3 / X360. Ho usato gli occhiali HTC Vive Cosmos per divertimento, di cui ho già scritto. Un set del genere costa oggi 3649 PLN, ma funziona in modo molto conveniente – per quello recensito Medaglia d’onore al di sopra e al di là è eccellente e pienamente sufficiente.

La trama di Medal of Honor Above and Beyond è solo un add-on

Non lo si può negare Medaglia d’onore al di sopra e al di là Avrebbe dovuto deliziarci principalmente con una vasta campagna immaginaria per molte ore, che sotto ogni aspetto ha completamente rotto con le ultime puntate della serie dal 2010 al 2012. Torniamo ai tempi della seconda guerra mondiale e interpretiamo il ruolo di un agente dell’Office of Strategic Service (OSS), e il nostro compito principale sarà sabotare le basi nemiche N ** i, supportare il movimento di resistenza francese o supportare le forze dell’Asse a terra, in mare e in aria. I creatori hanno preparato un totale di cinque grandi missioni ambientate in diverse parti del continente, suddivise in 56 missioni secondarie. Occorrono dalle 8 alle 10 ore per completare il viaggio, a seconda del nostro ritmo e del grado di coinvolgimento nel mondo intero.

Ci sono state azioni incredibilmente epiche direttamente dai film di fantascienza. Ci siederemo ai comandi di un carro armato, voleremo nella cabina di pilotaggio di un aereo, spareremo ai nemici o ci sederemo nella cabina di una nave con una mitragliatrice in mano, seminando il caos nelle acque agitate del Pacifico. L’azione parte lentamente, ma molti dei luoghi visitati sorprendono e ci permettono di comprendere meglio le brutali realtà della Seconda Guerra Mondiale. I creatori hanno anche aggiunto ottime interviste con veri eroi di guerra che raccontano le loro storie e ricordano i tempi dei combattimenti al fronte. L’ho guardato con grande interesse e pienezza Medaglia d’onore al di sopra e al di là Ho i ricordi più belli di questo elemento.

Incubo coinvolgente

Sfortunatamente, mentre la trama potrebbe in qualche modo difendersi e ai creatori non possono essere negate ambizioni e centinaia di grandi idee, la meccanica del gioco in sé è tutt’altro che perfetta. Giocare in realtà virtuale è, soprattutto, una grande immersione: la sensazione di essere uniti all’eroe che controlliamo. La sensazione di poter toccare qualsiasi cosa e fare qualsiasi cosa. Dopo il sensazionale Half Life: Alyx, che ha fissato nuovi standard per l’intero genere, avevo aspettative davvero esorbitanti e quelli con il botto si sono schiantati contro il muro non appena ho iniziato a suonare l’ultimo Medaglia d’onore al di sopra e al di là.

Forse inizierò con riprese e mira non molto raffinate. Certo, abbiamo molte armi diverse tra cui scegliere dalla seconda guerra mondiale, ma il loro rinculo e la potenza di fuoco sono del tutto insignificanti. Forse è dovuto alla grafica mal realizzata, o forse il gioco adotta un approccio un po ‘beffardo al tema della guerra, servendo a tutti i costi un design direttamente dalla prima parte del gioco, uscita nel 2002. Anche se nemmeno, perché piango in lacrime ricorda l’ottima musica e l’atmosfera di Medal of Honor: Allied Assault. In caso di Medaglia d’onore al di sopra e al di là la grafica è anche simile, ma il resto non corrisponde completamente al clima brutale, sporco e violento della seconda guerra mondiale. Sono tutt’altro che felice del mondo creato qui – l’intero gioco è fondamentalmente lo stesso – andiamo avanti, spariamo, guardiamo azioni epiche, ci nascondiamo, spariamo e finiamo il livello. Nella recensione, non posso non menzionare che gli avversari sono qui a grappoli, e sconfiggerli spesso irrita e infastidisce, perché sebbene l’arma sia puntata sul nemico, gli manca completamente.

Per non parlare delle animazioni nemiche che ricordano i primi anni 2000. Non appena rilasciano un’arma dopo la morte, può librarsi nell’aria per renderci più facile afferrarla. Non c’è praticamente alcuna reazione con il mondo, tranne ciò che i creatori hanno pianificato per se stessi. Ogni azione richiede un’animazione separata. Se andiamo su una scala o una scala, non possiamo semplicemente salire. Dobbiamo premere il pulsante quando l’elemento è evidenziato in blu. Inoltre, non c’è alcuna possibilità di andare diversamente da quanto pianificato dai creatori. Oppure prendi un’arma che giace a terra o un supporto: finché non diventa blu, la nostra mano virtuale la attraverserà.

Mondo vuoto

NEL Medaglia d’onore al di sopra e al di là Inoltre, non possiamo afferrare ogni oggetto che troviamo nelle singole posizioni, non possiamo lanciare coltelli contro gli avversari (non possono essere colpiti, sebbene possano essere raccolti) e non c’è alcuna opzione per suonare un campanello o persino spostare la scatola con gli oggetti sul posto successivo. Qui il mondo è ricco di dettagli, ma per quanto riguarda la realtà virtuale è vuoto come un guscio vuoto che nessuno ha adattato a questa visuale. Certo, se ci concentriamo solo sulla trama e non pensiamo di esplorare nuove location alla ricerca di sapori e dettagli, ci divertiremo molto di più. Per me, l’intera immersione di questo mondo è stata distrutta quando ho capito che non posso davvero fare nulla qui – MoH: AB potrebbe benissimo andare su console di base o PC sotto forma di un normale sparatutto e l’esperienza sarebbe stata molto simile .

In teoria, è possibile catturare una granata che vola nella nostra direzione e lanciarla indietro al nemico, ma non è intuitivo e il gioco ha un bel problema con il rilevamento delle collisioni. Armi e oggetti si attraversano regolarmente, la nostra mano virtuale può impazzire e penetrare nel mondo, e il corretto posizionamento del fucile spesso finisce con una notevole sfida, ad esempio quando ci si sporge da dietro un riparo. Ho mangiato molti nervi su questo gioco e mi dispiace che, nonostante tanti anni di lavoro e supposizioni, ho ottenuto un prodotto più semilavorato che richiederebbe alcune modifiche radicali in fondo. È un peccato, perché il gioco è stato progettato per la realtà virtuale fin dall’inizio, e ho trovato su Internet le informazioni che avrebbero dovuto lavorarci fino a 1.200 persone. Non puoi vederlo affatto.

Medal of Honor Above and Beyond non è un gioco per tutti

Ci vuole angelica pazienza per questo gioco. È difficile nascondersi qui, gli avversari ci notano quasi immediatamente e la loro eccezionale precisione significa che all’inizio spesso moriremo e ci arrabbieremo, come potevano anche solo sapere che stavamo arrivando? Il mondo, sebbene pieno di dettagli, è spesso vuoto a causa della mancanza di immersione e la trama è solo un’aggiunta alle successive sezioni dello sparatutto. Certo, se ci avviciniamo a questo gioco su una base “una missione al giorno” e non prestiamo attenzione agli ovvi errori dei creatori, allora può essere abbastanza divertente.

C’è sempre qualcosa da fare qui, ci sono sempre esplosioni, carri armati in arrivo o azioni epiche. D’altra parte, tutti i dialoghi tra i personaggi sono rovinati da espressioni facciali fatali e sottosviluppate o da animazioni obsolete. Alcune trame gridano vendetta al cielo, e le migliori di tutte sono le ombre e l’illumi___one, che a volte assumono colori così piacevoli, caldi e leggermente morbidi. Anche il fumo e il fuoco dei carri armati distrutti sembrano buoni. Ma ci sono fasi qui, che con la loro qualità grafica fanno pensare alla prima parte della serie e all’anno 2002. Half Life Alyx sembrava molto meglio, aveva molte più possibilità di interferire con il mondo e una trama molto più interessante. E allo stesso tempo requisiti hardware inferiori e una migliore immersione nel mondo. Medaglia d’onore al di sopra e al di là ha ancora una modalità multiplayer sperimentale, ma la sua integrazione e i problemi con il rilevamento di collisioni o colpi mi hanno effettivamente scoraggiato dal giocare in questo modo. È così bello che il gioco viene costantemente sviluppato e le patch successive aggiungono molte nuove opzioni.

Medaglia d’onore al di sopra e al di là è una produzione che non posso consigliare in una recensione con la coscienza pulita. La sua ricezione dipende in gran parte dalle nostre aspettative e dalle precedenti esperienze con i giochi VR. Se stai appena entrando in questo mondo, non hai avuto contatti con molte sessioni nella realtà virtuale e l’atmosfera della seconda guerra mondiale ti è molto vicina, allora MoH: AB ti darà molto piacere. Sebbene la grafica sembri subito obsoleta, i personaggi sono insignificanti e la trama è noiosa e insensibile, lo stesso muoversi in questo mondo, sparare o guidare un carro armato rimarrà sicuramente nella tua memoria per molto tempo. Per me, invece, l’ultima Medal of Honor è una produzione oggi sottosviluppata, troppo ambiziosa e antiquata, la cui accoglienza è viziata non solo dalla grafica, ma anche dalla mancanza di immersione con il mondo, azioni a volte assurde direttamente dalla scienza. -film di fiction o personaggi da incubo che non volevo assolutamente scoprire. Le più interessanti sono state le interviste ai veterani di guerra, che ho ascoltato con sincero piacere.

Categorized in: