Hai mai suonato una produzione che ti ha letteralmente inghiottito? Avevi intenzione di suonare un quarto d’ora e ti sei “svegliato” dopo poche ore? Hai sentito che il gioco ti ha letteralmente catturato? Questo è il problema con cui lotta il personaggio principale di Sword Art Online: Hollow Fragment…

Nel prossimo futuro è stata creata una tecnologia rivoluzionaria che consente di trasferire le persone nella realtà virtuale. Il creatore di questo insolito sistema – Akihiko Kayaba – ha anche preparato il primo gioco – Sword Art Online – in cui i giocatori possono trasferirsi in una terra misteriosa e combattere creature terrificanti. Beta tester della posizione – Kazuto Kirigaya – dopo aver effettuato l’accesso alla produzione, apprende entro i primi cinque minuti che è impossibile disconnettersi dal gioco e l’unico modo per uscire dal gioco è uccidere tutti i boss. Questa non è la fine delle preoccupazioni, perché morire nel mondo virtuale è sinonimo della perdita della vita da parte di un personaggio reale (un forte impulso elettromagnetico verrà inviato al mondo reale e ucciderà il giocatore). In questa situazione, ogni persona in Sword Art Online gioca una lotta per la sopravvivenza.

Questa è una breve panoramica delle informazioni più importanti sulla trama. La storia nel titolo viene presentata utilizzando brevi filmati (in questo caso anime) e grazie a scene standard per jRPG. Il tutto è impreziosito da doppiaggio giapponese e sottotitoli in inglese. Suona bene? In effetti, anche per una persona che non ha familiarità con questo universo (e puoi giocare, leggere manga o vedere anime) non è male. Kirito – questo è il soprannome usato dall’eroe nel gioco – è ampiamente dotato, tutti i personaggi lo amano e vogliono affrontare insieme il problema. Puoi facilmente vedere che i creatori hanno affrontato l’argomento della costruzione di relazioni nella produzione con molta attenzione e hanno cercato di ritrarre accuratamente le persone. Conosciamo il passato degli eroi e posso giurare con la mano sulla console che sebbene nei jRPG tali rapporti siano abbastanza spesso contorti, qui gli autori hanno cercato di presentare il tutto in modo semplice e indolore.

Tuttavia, vorrei sottolineare che stiamo facendo conoscenza con un titolo giapponese piuttosto specifico, in cui il personaggio principale è come un semidio – ampiamente dotato, quasi miticamente forte, conoscendo la risposta a quasi tutte le domande – e tutti i personaggi si sbottonano le camicie e sorridono alla vista di lui… Sword Art Online: Hollow Fragment è un esempio stereotipato di un racconto giapponese – se ti piace presentare la storia non ti disturba, continua a leggere. Non mancano sfumature sessuali e donne insistenti che vogliono letteralmente far saltare Kirito nel letto…

Il gioco può essere diviso in due elementi: sedersi nella base e correre in luoghi individuali e uccidere i boss. Nel caso del primo, Kirito deve parlare con i personaggi che incontra, complimentarsi con loro, premiarli con oggetti e… sperare di aver conquistato il loro favore. In caso di successo, può in seguito utilizzare il loro aiuto in combattimento. È interessante notare che nel gioco dobbiamo “reclutare” fino a 100 alleati e sebbene molti di loro (o meglio molti di loro…) correranno dietro al protagonista anche a ca**o, devi lavorare sodo per riuscire a utilizzare i servizi degli eroi in seguito.

Dopotutto l’asse principale del gioco è attraversare le posizioni successive (e più precisamente, i piani di un misterioso castello volante …), dove risolviamo missioni secondarie minori, distruggiamo centinaia di varie bestie e infine combattiamo un nemico più grande chiamato boss. In questo modo, otteniamo l’accesso al posto successivo e andiamo al piano successivo. Il titolo cerca di essere un tipico MMO, quindi il combattimento riguarda l’ordine del tuo compagno (“Attack”, “Use Skills”, Treat “) e l’utilizzo di tutti i poteri di Kirito. I duelli non sono particolarmente impegnativi o difficili da padroneggiare: abbiamo poche abilità, pochi attacchi e picchiamo tutto alternativamente, fino a quando la barra speciale degli AP non si esaurisce… Quindi aspettiamo il suo rinnovamento, usiamo una pozione speciale o facciamo i complimenti al personaggio e possiamo attaccare di nuovo. Un elemento importante durante gli scontri è “recuperare” il resto della squadra, perché poi possiamo usare vari attacchi di squadra o possiamo semplicemente sopravvivere – perché quando cadiamo in una frenesia d’attacco, qualcuno deve farsi da parte e guarire. Il combattimento in sé non è difficile, anche se a volte è troppo sterile, ma a un certo punto tutto cambia: nel mio caso, sono rimbalzato dal 91° piano e ho dovuto affinare le statistiche del personaggio. È qui che torna utile il titolo Hallow Mission, in cui possiamo svolgere compiti, sconfiggere nuovi rivali, ottenere oggetti e prepararci per le prossime puntate della campagna. Tuttavia, devo sottolineare che le missioni sono piuttosto impegnative e i mostri possono farti del male.

L’equipaggiamento e la personalizzazione del personaggio sono interessanti: all’inizio del gioco, possiamo scegliere il nome, il colore degli occhi, il colore dei capelli e alcune caratteristiche di base. Durante il gioco, acquisiamo tonnellate di vari oggetti (caschi, armi, armature, guanti, cinture, scarpe, anelli) che hanno statistiche e sviluppano il personaggio.

Tornando ai piani, non pensare che si tratti di luoghi chiusi nell’edificio. Ogni luogo è costituito da luoghi allungati – corridoi – con più o meno percorsi, dove corriamo accanto ad alberi, laghi e molti mostri. Di tanto in tanto troviamo una scatola, altre volte troviamo solo un boss che deve essere raso al suolo.

La produzione in un modo interessante cerca di fingere che ci piaccia un tipico MMORPG. Grande mondo, molti compiti da svolgere, interessante (anche se storia dolorosamente giapponese ..), ma è difficile nascondere che non ci sono giocatori qui! È in tali posizioni che dovremmo giocare con gli amici, correre insieme sui piani, combattere boss, scambiare oggetti, mentre in SOA: HF possiamo fare amicizia solo (con quattro giocatori) usando ad-hoc. Tuttavia, non vi nascondo che nella mia città natale è difficile trovare due persone con Vita che hanno appena acquistato questo titolo. Non esiste una modalità multiplayer online, grazie alla quale potremmo giocare a un vero MMO.

Per quanto riguarda l’audiovisivo, siamo bombardati da un lato da bellissimi inserti anime, impreziositi dal doppiaggio giapponese, e dall’altro, da una grafica abbastanza media di spot, eroi e creature. Questa differenza è chiaramente visibile e può distrarre.

Il mondo virtuale di Sword Art Online ti incanterà per molte ore. Viaggerai attraverso varie località, combatterai enormi bestie e interagirai con personaggi piuttosto complessi. Questo è un titolo interessante che ti introdurrà perfettamente a questo enorme universo.

Non è una posizione senza difetti – è uno spreco di lotta online, grafica media e noiosa da un certo punto del combattimento – ma se siete simpatizzanti dei climi giapponesi, apprezzerete il lavoro dei creatori, dimenticate le carenze e per oltre 50 ore sfreccerai attraverso diversi piani e combatterai con bestie sempre più forti.

Categorized in: