Questo venerdì (28) ha debuttato l’undicesimo episodio di “I Cavalieri dello Zodiaco: Anima d’Oro“, con grande enfasi su Aiolia, il Cavaliere d’Oro di León, che nel ultimo episodio si è semplicemente seduto e ha guardato mentre Dohko, Saga, Mu e Shaka combattevano contro Andreas per impedire la rinascita del malvagio dio Loki.

L’episodio inizia con l’anima di Aiolia salvata da Lifia, dopo il devastante attacco del Esclamazione della Divina Atena🇧🇷 Ritorna però quello d’oro senza la sua armatura di Leone, che si trova insieme agli altri 11 attorno a Yggdrasil, con i suoi poteri risucchiati dal Seme del Male, che sta per sbocciare.

Ecco, l’armatura di Loki appare davanti ad Aiolia, e grazie ad essa, ha permesso al dio asgardiano di riemergere completamente. Aiolia insegue Loki, ma lui non si accorge nemmeno dell’odore e lo prende come un cane.

Cadendo a terra e quasi andandosene per il meglio, il Leone può sentire il grido dell’armatura d’oro, che fa risvegliare il suo cosmo, donando nuova energia al cavaliere. Ma questo non scoraggia Loki, che lancia un altro attacco devastante, ma prima che possa colpire Aiolia, a freccia d’oro ferma l’attacco, proteggendo il Leone.

Ecco che arriva il prima volta entrando in azione oltre che nelle scene di flashback, Aiolos il Sagittario. Questa è la prima volta che i due si incontrano, da quando Aiolia era bambina e Aiolos fuggì dal Santuario, accusato di tradimento. Il momento è commovente, Aiolia piange, suo fratello maggiore dice che è orgoglioso di lui, che ha combattuto bene e tutto il resto.

Aiolos rivela che dopo il confronto con Andreas, che si presumeva morto, ha perso la sua armatura ed è stato salvato da persone del Valhalla Palace, che lo hanno portato a Ilda di Polaris, che gli ha detto tutta la verità sulle ambizioni di Loki. Sì, sapeva già tutto dall’inizio.

Il cosmo di Hilda appare quindi sul campo di battaglia, dicendo a Loki che sapeva già che aveva posseduto il corpo di Andreas e aspettava il momento giusto per riprendersi completamente. Mentre Atena ei suoi cavalieri stanno combattendo Ade, ha pensato che questo fosse il momento migliore. Ma prima, Loki avrebbe dovuto togliere di mezzo Odino, e così per questo ha usato il potere dei 12 Gold Saints per ottenere un’arma potente attraverso il seme di Yggdrasil: il Lancia Gungnir🇧🇷

Loki conferma la storia, dicendo che con la lancia riuscirà a distruggere Odino. Quindi convoca un esercito di guerrieri morti per attaccare Sagittario e Leone. Nel frattempo, altri morti attaccano Hilda nella sua stanza, che viene salvata da Sigmund (vi ricordate che Saga gli ha risparmiato la vita dopo quel misero litigio?), che compare assieme a Freya, la sorella di Hilda.

Tornando ai due fratelli d’oro, finiscono facilmente i guerrieri, ma Loki attacca con tutte le sue forze. Aiolos scaglia una freccia con tutto il suo cosmo, ma non riesce a fermare l’attacco di Loki, e così i due d’oro vengono colpiti.

Riguardo a questo, frodi (un altro sopravvissuto, ricordi?) va alla statua di Odino e lascia un manufatto ai suoi piedi, che inizia a brillare e poi Lifia, che era morta, appare davanti al Dio Guerriero, che si inginocchia davanti a lei, già sapendo cioè alla presenza dell’onnipotente Odino.

Aiolos è tutto distrutto e quasi morente, chiede ad Aiolia di credere in se stesso, anche nelle peggiori circostanze. poi abbiamo il ritorno di fiamma tradizionale di lui che salva la piccola Atena dalle grinfie del Maestro/Saga. Aiolos poi rivela il Draupnirun artefatto che può intrappolare l’anima di Loki e che inizia a risuonare con il cosmo di Aiolia.

Così, il leone torna da solo per affrontare Loki e attacca usando il cosiddetto Draupnir (una specie di tirapugni asgardiano). Questa volta Loki sente il colpo ed è in apprensione. Aiolia attacca usando la sua mossa Plasma Lightning, ma non ha effetto su Loki, che afferma che solo un attacco diretto di Draupnir può causare danni.

Aiolia schiva i numerosi attacchi di Loki finché non viene colpito. Loki canta già vittoria, ma dopo che il fumo si è diradato, Aiolia è ancora in piedi, il che sorprende sia il dio malvagio che Aiolos, che osserva da lontano. Aiolia è stata salvata da L’armatura di Odinoche ti appare davanti.

Lifia poi appare e risulta essere Odino🇧🇷 Frodi dice che il misterioso Utgard lo sapeva già e che nascose nel suo corpo l’Armatura di Odino (era un guerriero morto, il che ha permesso che ciò fosse possibile), aspettando fino al momento in cui sarebbe tornato per restituirla (ricordiamo che nell’ultimo episodio Frodi gli toglie qualcosa dopo averlo sconfitto?).

Frodi dice che Odino scelse Aiolia come guerriera per proteggere Asgard. Lifia/Odino dice ad Aiolia di impedire il Lancia Gungnir respawn e digli di usare la spada nella sua armatura.

Aiolia impugna la spada, lasciando l’armatura dorata (che peccato, la preferisco bianca), che copre il corpo di Leão, che è pronto a prendere a pugni Loki, che non riesce a credere a quello che sta vedendo. Ma questo è solo nel prossimo episodio.

aspetti tecnici

dopo l’ottimo episodio 10 (uno dei migliori finora), l’episodio 11 ha mantenuto il livello di qualità piuttosto eccitante, pieno di momenti e rivelazioni emozionanti. La narrazione si è sviluppata in modo ben strutturato e ha presentato tutte le cliché del combattimento finale di CDZ che noi fan amiamo guardare, ma in modo molto breve e veloce. Come all’inizio, quando Aiolia sta morendo e torna a combattere grazie a Lifia, che in realtà è Odino, proprio come Athena ha fatto diverse volte in passato per Seiya e compagni.

Abbiamo avuto anche un Cavaliere che si è sacrificato per lui, in questo caso suo fratello Aiolos, che dà più peso al momento (ricordando che non è ancora morto!). Il risveglio di Loki dall’anfora, la presenza più partecipata di Hilda, l’apparizione dell’armatura di Odino, l’armatura d’oro che “piange”, insomma, ci sono stati diversi momenti nostalgici che dovrebbero accontentare anche i fan di CDZ più noiosi ed esigenti.

E ora un po’ Mitologia norrenaper spiegare dove hanno portato i nuovi elementi apparsi nella puntata, a cominciare da Lancia Gungnir🇧🇷 Secondo la mitologia, Gungnir è la lancia di Odino, l’arma più potente tra le divinità di Asgard. Secondo le leggende, quando viene lanciato non manca mai il bersaglio e torna sempre nelle mani di Odino. Abbastanza interessante, non è vero?

già il Draupnir si dice che sia un anello magico realizzato dai fabbri nani, Brokk ed Eitri, uno dei meravigliosi doni offerti a Odino. Draupnir significa “contagocce”, il che si spiega con la sua virtù di aumentare la ricchezza di chi lo possiede, moltiplicandosi per nove ogni nove giorni. Nel caso dell’anime, è servito per aumentare la forza di Aiolia e come futura prigione per l’anima di Loki.

Ci sono solo due episodi per concludere la stagione, e dall’anteprima di capitolo 12 sappiamo già che la Gungnir Spear riapparirà davvero, il che darà sicuramente lavoro ad Aiolia e alla sua nuova armatura. Quali sono le aspettative per il gran finale, caro lettore? Lascia il tuo commento lì per noi!

Divertiti e dai un’occhiata alla nostra analisi degli episodi precedenti e a un articolo speciale:

– Saint Seiya: Soul of Gold – dai un’occhiata ai riferimenti alla mitologia norrena utilizzati nel nuovo CDZ

🇧🇷 Analisi – Saint Seiya: Soul of Gold – S01E10 – Lo scontro decisivo! Aiolia vs Andreas

🇧🇷 Recensione – Saint Seiya: Soul of Gold – S01E09 – Saga! Il caldo legame tra fratelli!

🇧🇷 Analisi – Saint Seiya: Soul of Gold – S01E08 – Balder, scelto dagli dei

– Analisi – Saint Seiya: Soul of Gold – S01E07 – Armatura divina contro Armatura divina

– Analisi – Saint Seiya: Soul of Gold – S01E06 – Entra nelle sette camere di Yggdrasil

– Saint Seiya: Soul of Gold – scopri cosa aspettarti dal nuovo anime dei Cavalieri dello Zodiaco