Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro.

Eccoci qui amici miei, nel terzo round, continuiamo a guardare e presentarvi le novità dell’anteprima di Android N Dev. Il round 1 è qui e il round 2 può essere trovato a questo link. Ora torniamo a nuove o nuove funzioni estese, come la modalità Doze migliorata da Android Marshmallow. Nuovo di zecca è anche il cosiddetto Data Saver, nella versione Android tedesca la funzione si ferma alla “compressione dei dati”.

AGGIORNAMENTO: Abbiamo ora scritto un articolo riassuntivo con tutte le novità della versione finale di Android 7 Nougat, basta seguire questo link.

Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro

Compressione dei dati per Internet mobile

In molti paesi, l’Internet mobile non è solo poco sviluppato in generale, ma è anche notevolmente limitato in termini di velocità. E poi ci sono le regioni apparentemente progressiste come la Germania, dove difficilmente si può ottenere un contratto di telefonia mobile senza LTE, che però è sempre limitato da un volume generalmente basso. Per ottenere il massimo dalle circostanze individuali, Google ha integrato una compressione dei dati opzionale in Android N.

È possibile attivare la compressione dei dati direttamente tramite le impostazioni rapide. Regola il traffico dati dei dati in background e comprime il throughput dei dati. Se è disponibile solo Internet mobile, le app non possono inviare o ricevere dati in background. Ciò consente di risparmiare la batteria e impedisce il traffico dati non necessario. Naturalmente, anche le app possono essere escluse dalla compressione. Se la compressione dei dati è attivata, ciò viene indicato, tra le altre cose, da una sorta di icona di “pausa” nella barra di stato.

Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro

Nuova modalità Sonnecchia

A partire da Android Marshmallow, smartphone e tablet possono sonnecchiare. App, traffico di rete e wakelock vengono bloccati in background se il rispettivo dispositivo è rimasto inattivo per un lungo periodo di tempo. Questo è un buon approccio, ma non sempre utile, perché Doze spesso semplicemente non funziona perché il dispositivo in questione è spento ma si muove molto (tasca dei pantaloni o qualcosa del genere). Google ha apportato miglioramenti ad Android N, la modalità doze ora entra in vigore dopo un certo tempo, anche se il dispositivo si trova nella tasca dei pantaloni dell’utente, ad esempio, e di conseguenza viene costantemente scosso.

Se il dispositivo viene spento per un periodo di tempo più lungo, anche la precedente modalità doze normale ha limitato GPS, wakelock, ecc. dopo un po’ di tempo, il che rimarrà il caso di Android N. , tuttavia, Doze sarà un po’ meno restrittivo, ritardando o limitando solo le attività di rete e le attività della CPU.

Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro

La differenza tra Doze in Android M e Doze in Android N può anche essere spiegata in una frase: lo smartphone sicuramente si addormenta sempre dopo un certo periodo di tempo, indipendentemente dal fatto che sia sdraiato su un tavolo o che si muova nella tasca dei pantaloni. (tramite Polizia Android)

informazioni di emergenza

In Android N puoi memorizzare informazioni di emergenza per gli utenti configurati. Questi possono essere richiamati da chiunque tramite la schermata di blocco se si preme il pulsante di chiamata di emergenza sulla schermata di blocco. Oltre al compleanno, queste informazioni di emergenza includono il gruppo sanguigno, informazioni sulla do___one di organi, allergie, contatti di emergenza e molto altro. (tramite Android centrale)

Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro

Migliore gestore di file

A partire da Marshmallow, Android ha un rudimentale file manager integrato nel sistema, che può essere trovato nelle impostazioni di sistema tramite l’archiviazione dei dati. Ci sono nuove funzioni su Android N, ora puoi rinominare, spostare, copiare file, creare nuove cartelle e persino aprire il file manager in più istanze. Google potrebbe ora fornire al file manager “la propria app” a cui è possibile accedere tramite la schermata iniziale.

Numeri di telefono bloccati per altre app

È stato a lungo possibile bloccare i fastidiosi numeri di telefono nel dialer Android, ma in Android N questa funzione è stata portata a livello di sistema. Vari altri servizi possono utilizzare questo per scrivere numeri bloccati e anche leggerli da questo elenco, come il tuo provider o le app del provider. Una volta che ho bloccato un numero, viene automaticamente bloccato per l’app SMS predefinita del tuo dispositivo, ad esempio. (tramite Polizia Android)

calibrazione del colore

Nel System UI Tuner ora puoi anche calibrare il colore del display, ma non funziona davvero per me sul Nexus 5X. Buuug 🙁

Android N(news): Compressione dei dati, nuova modalità Doze e altro

>>> altri articoli su Android N