Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store.

Epic Games non è l’unica azienda che ha citato in giudizio Apple per i termini di fare affari sull’App Store poiché Apple ora deve affrontare un’azione legale collettiva potenzialmente costosa sulle tariffe dell’App Store.

HIGHLIGHTS DELLA STORIA:

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store
  • Apple è stata citata in giudizio nel Regno Unito per le commissioni di Apple sull’App Store.
  • In caso di successo, la causa potrebbe costare ad Apple $ 2 miliardi di risarcimento.
  • Apple è accusata di proteggere gelosamente l’accesso al “mondo delle app”.

$ 2 miliardi di azioni collettive nel Regno Unito sulle commissioni dell’App Store

Archiviata presso il Competition Appeal Tribunal di Londra, la causa prende di mira i tassi di commissione dell’App Store di Apple. Apple prende il 30 percento di tutti gli sviluppatori di entrate vendendo app e abbonamenti tramite l’App Store, passando al 15 percento dopo il secondo anno di un abbonato.

→ Come vedere tutte le valutazioni e le recensioni dell’App Store

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

Secondo i documenti legali, i ricorrenti affermano che questa commissione si traduce in prezzi più elevati per i consumatori che acquistano app e abbonamenti a pagamento. Secondo i rapporti di BBC News e News and Star, i ricorrenti affermano che Apple ha sovraccaricato circa 20 milioni di clienti che hanno acquistato app e abbonamenti dall’App Store del Regno Unito.

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

Sto conducendo questa azione collettiva contro @apple per conto di 19,6 milioni di #consumatori del Regno Unito, sostenendo di aver violato la #legge sulla concorrenza e di aver addebitato un sovrapprezzo per gli acquisti di #app nel loro #AppStore @BBCNews #drdigitalhealthhttps://t.co/CZ1cLatTdH

— Rachael Kent (@DrDigi_Health) 11 maggio 2021

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

La dottoressa Rachel Kent, specialista di economia digitale e docente al King’s College che guida l’azione collettiva, ha dichiarato quanto segue in una dichiarazione:

Apple custodisce gelosamente l’accesso al mondo delle app e addebita tariffe di ingresso e utilizzo del tutto ingiustificate. Questo è il comportamento di un monopolista ed è inaccettabile. L’uso delle app da parte della gente comune è in continua crescita e l’ultimo anno, in particolare, ha aumentato la nostra dipendenza da questa tecnologia.

E questo:

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

Apple non ha il diritto di addebitarci un affitto del 30% per così tanto di ciò che paghiamo sui nostri telefoni, in particolare quando Apple stessa sta bloccando il nostro accesso a piattaforme e sviluppatori che sono in grado di offrirci affari molto migliori.

L’azione legale collettiva potrebbe comportare danni fino a 1,5 miliardi di sterline, il che equivale a circa $ 2 miliardi. Questo compenso non sarebbe disponibile per quei clienti del Regno Unito che non hanno acquistato app a pagamento, abbonamenti o acquisti in-app su un iPhone o iPad da ottobre 2015.

E qual è la risposta di Apple?

Apple in una dichiarazione ha definito la denuncia legale “senza merito”.

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

Riteniamo che questa causa sia priva di merito e accogliamo con favore l’opportunità di discutere con il tribunale il nostro fermo impegno nei confronti dei consumatori e i numerosi vantaggi che l’App Store ha offerto all’economia dell’innovazione del Regno Unito. La commissione addebitata dall’App Store è molto in linea con quelle addebitate da tutti gli altri mercati digitali.

Questo è stato l’argomento di Apple fin dall’inizio.

Infatti, l’84% delle app sull’App Store sono gratuite e gli sviluppatori non pagano nulla ad Apple. E per la stragrande maggioranza degli sviluppatori che pagano una commissione ad Apple perché vendono un bene o un servizio digitale, hanno diritto a una commissione del 15%.

Negli Stati Uniti, Apple è coinvolta in un importante caso legale promosso da Epic Games.

Apple è stata accusata di una causa da 2 miliardi di dollari nel Regno Unito per le tariffe dell’App Store

Il produttore di Fortnite sostiene che Apple si impegni in pratiche anticoncorrenziali non consentendo ad altri negozi di app sull’iPhone e sfruttando la commissione dell’App Store per soffocare la concorrenza.