Facebook ha annunciato di aver deciso di ritirarsi dal suo esperimento di apportare il più grande cambiamento nella sua storia recente al feed delle notizie. Lo scorso ottobre ha iniziato a sperimentare in diversi paesi con dividere il feed delle notizie in dueseppellendo tutti i media e le pagine in uno secondario chiamato “Esplora”, lasciando quello principale per i messaggi dei tuoi contatti.

Ma ora, in un post sul blog di Facebook, il responsabile del feed di notizie Adam Mosseri lo ha annunciato l’esperimento è giunto al termine e l’idea è stata scartata. La decisione è dovuta al fatto che gli utenti di Bolivia, Cambogia, Guatemala, Serbia, Slovacchia e Sri Lanka, paesi dove è stato effettuato il test, non hanno gradito il cambiamento, visto che con esso non sono riusciti ad aumentare le connessioni di utenti con la loro famiglia e i loro amici.

“Ci hai dato la risposta: le persone non vogliono due feed separati”

“Ci hai dato la risposta: le persone non vogliono due feed separati“Mosseri ha spiegato.” Nei sondaggi, le persone ci hanno detto di essere meno soddisfatte dei post che stavano visualizzando e che avere due feed separati non li ha davvero aiutati a connettersi di più con amici e familiari. “

Quando Facebook esegue questo tipo di test in alcuni paesi, lo fa per testare le reazioni dei suoi utenti alle modifiche proposte prima di applicarle a tutti a livello inter___onale. A volte il test funziona bene e le modifiche finiscono per raggiungerci tutti, ma in altre semplicemente vedono che l’idea non era così buona e finiscono per annullarla.

“Abbiamo anche ricevuto feedback che abbiamo reso più difficile per le persone nei paesi di prova l’accesso a informazioni importanti, e che non comunichiamo chiaramente il test “, spiega anche”. Stiamo agendo in base a questo feedback aggiornando il modo in cui valutiamo dove testare nuovi prodotti e come comunichiamo su di essi. “

Eppure la guerra ai media continua

Ma la fine di questo test specifico non significa che Facebook farà marcia indietro nella sua particolare guerra contro i media. Lo stesso Mosseri, infatti, ha affermato che le sue ultime modifiche all’algoritmo del feed sono più efficaci che dividere il feed in due quando si tratta di penalizzarne il contenuto e dare priorità a quello degli altri utenti.

“Riteniamo che le nostre recenti modifiche al feed delle notizie che danno la priorità alle interazioni sociali significative affrontino meglio il feedback che sentiamo dalle persone che affermano di voler vedere di più da amici e familiari”, ha spiegato. “Questi cambiamenti significano meno contenuti pubblici nelle notizie come pubblicazioni di affari, marchi e media”.

Da mesi Facebook chiude accordi con i media per riempire il proprio social network di contenuti interessanti. Il social network ne ha approfittato, ad esempio, per accedere alle notizie in modo nativo nella sua applicazione ufficiale e quindi trattenere gli utenti mentre si informano. Ora però ha deciso di cambiare radicalmente strategia e abbandonare al proprio destino chi scommette sulla sua piattaforma.

Nel social network stanno dando a questi cambiamenti un bel rivestimento di marketing dicendo che fanno tutto per gli utenti. Ma quello che sta realmente facendo è spremere da un media che, se all’inizio dovevano andare su Facebook per raggiungere i propri lettori, ora devono pagare per la pubblicità se vogliono che continuino a leggerli.

Bisognerà vedere quali saranno d’ora in poi i loro prossimi passi, ma avendo dichiarato pubblicamente di essere soddisfatti dei cambiamenti nell’algoritmo, non sembra che la loro strategia cambierà nel breve termine.

Collegamento | Sala stampa Facebook
Immagine | Antonio Quintano
In Engadget | Facebook tradisce i media e penalizzerà le pagine nel nuovo algoritmo del feed di notizie