Gli alloggi sono così brutti a Hong Kong che hanno progettato una casa all’interno di un tubo di cemento.

Se sei uno di quelli che si lamenta di vivere in uno studio minuscolo, preparati, perché ci sono già progetti in modo che in futuro possano essere ancora più minuscoli. Lo studio di architettura James Law Cybertecture, con sede a Hong Kong, ha sviluppato il prototipo di una serie di alloggi a basso costo all’interno di tubi di cemento che potrebbe essere impilato.

Battezzati come “OPod Tube Housing”, questi tubi di alloggiamento hanno un diametro di 2,5 metri e ti offrono 9,29 metri quadrati di spazio. Secondo lo studio, ognuna di esse è pensata per una o due persone, ha un costo complessivo pari a 12.500 euro, e può essere affittata per meno di 340 euro al mese.

La ragione di questo progetto è che Hong Kong lo è una delle città con il prezzo del terreno più costoso al mondoo. Lì, l’affitto medio di un monolocale in centro città può costare più di 1.690 euro al cambio, il che limita le possibilità di accesso all’alloggio a una minoranza.

Gli alloggi sono così brutti a Hong Kong che hanno progettato una casa all’interno di un tubo di cemento

In questo contesto, le case a tubo sono un tentativo di offrire alloggi a prezzi accessibili e convenienti per i giovani. Dai, arrivano ad ammettere che l’unico modo per pagarsi una casa in città è finire a vivere in un gigantesco tubo dell’acqua. Un indirizzo piuttosto terribile per le grandi città.

Il progetto cerca anche di rendere un po’ più semplice la questione degli alloggi per i gestori della città, poiché questi tubi possono essere impilati uno sopra l’altro per creare blocchi abitativi di quattro piani, che possono essere facilmente installati e smontati per consentire “la creazione di spazi residenziali veloci, basso costo e facile da adattare agli ambienti”.

Gli alloggi sono così brutti a Hong Kong che hanno progettato una casa all’interno di un tubo di cemento

Questo è il tubo OPod all’interno

Ognuna di queste minuscole case ha dimensioni di cinque metri di lunghezza per due di larghezza e altezza, fornendo uno spazio utile di 9,29 metri quadrati. All’interno offrono un bagno con doccia, una cucina con minifrigo, un soggiorno con divano letto con scrivania-tavolino davantie un deposito.

Come vediamo nelle immagini, il nostro computer potrebbe facilmente adattarsi a noi e avremmo diversi scaffali per poter avere qualche altro oggetto decorativo. Il tutto con due porte di vetro su ciascun lato del tubo, che aiuterebbero a ottenere quanta più luce naturale possibile.

Gli alloggi sono così brutti a Hong Kong che hanno progettato una casa all’interno di un tubo di cemento

I responsabili affermano di aver optato per il cemento come materiale perché è abbastanza resistente da consentire buon isolamento dal caldo, dall’umidità e dai forti venti. Hanno tutti un accesso online, una porta che si apre con un cellulare.

Nello studio di James Law Cybertecture pensano che questa potrebbe essere una buona soluzione per gli studenti universitari, ma anche per utilizzato commercialmente negli hotel a basso costo. Qualcosa di simile, ad esempio, ai capsule hotel giapponesi. È un progetto che vogliono essere anche esportabile, e ne è un esempio il progetto di costruire le prime unità in Sudafrica.

Gli alloggi sono così brutti a Hong Kong che hanno progettato una casa all’interno di un tubo di cemento

Potrebbe essere che parte del motivo per scommettere prima su un altro continente sia nella legislazione, poiché sebbene sia legale costruire appartamenti a cubetti a Hong Kong, al momento non è legale viverci. In ogni caso, al momento si tratta solo di un’iniziativa annunciata da uno studio di design, bisognerà quindi vedere quando avranno successo una volta che inizieranno a costruire i primi.

Collegamento | James Law Cybertecture
Su Magnete | Ecco com’è dormire in un hotel “capsula” in Giappone