Acquistare un nuovo televisore è, come abbiamo visto nella nostra prima guida, qualcosa di divertente ma anche faticoso. Sfogliare i cataloghi di tutte le case produttrici, recarsi nei negozi per vedere i modelli in esposizione, scoprire e confrontare i modelli sono azioni comuni che tutti noi, a un certo punto, abbiamo compiuto con maggiore o minore intensità.

Con l’idea di aggiornarci un po’ e per chi di voi sta ancora pensando di cambiare tv per i Mondiali in Brasile, ecco la nostra guida definitiva all’acquisto di una TV nel 2014.

Regole di base per l’acquisto di una TV

Quando si acquista un nuovo televisore, è importante tenere a mente quattro regole fondamentali. Questi ci aiuteranno a fare un primo screening di tutte le possibilità esistenti sul mercato.

  • Il suono meglio non tenerne conto. Il modo migliore per valutare un televisore è concentrarsi solo sulla qualità dell’immagine. Il suono è importante ma sappiamo che su televisori così piatti non è sempre soddisfacente. Pertanto, è importante tenerne conto ma senza ossessionarci. Perché possiamo trovare televisori che suonano molto bene ma con una qualità dell’immagine inferiore. E per il suono ci sono sempre soluzioni (ricevitori A/V, apparecchiature HiFi, soundbar…) ma non per l’immagine.

  • Stabilisci un prezzo massimo. Abbiamo tutti un budget che ci impedirà di raggiungere quel modello che tanto ci piace ma che sfugge. Pertanto, prima di iniziare a cercare, stabilisci quanto sei disposto a spendere. Tieni presente che in seguito di solito saliamo un po ‘se vediamo un modello superiore per poco più. Ovviamente risparmiamo anche se approfittiamo di eventuali offerte.

Qualità dell’immagine, nuove tecnologie

Anche se ci sono alcuni modelli sul mercato, la verità è che la produzione di televisori al plasma è qualcosa di inesistente. I produttori hanno deciso di scommettere su pannelli LCD e poco a poco OLED. Pertanto, ora dipende dalla qualità di questi pannelli e dalle regolazioni che ogni marchio apporta per offrire un’immagine soddisfacente sotto tutti gli aspetti per l’utente.

Un’approssimazione di quale tipo di schermo dovremmo scegliere può essere trovata nell’articolo in cui parliamo di cosa sono LCD, LED e Plasma. Manca la questione OLED, una tecnologia che offre vantaggi come un miglioramento nella rappresentazione del colore, minor consumo e qualità dei neri ma che per il momento, a causa del loro costo di fabbricazione, sono troppo costosi.

Pertanto, ci ritroviamo con i televisori LCD. In particolare, con quelli che utilizzano un pannello LCD con illumi___one a LED. E ora abbiamo due nuove possibilità: risoluzione Full HD o 4K. Con prezzi sempre più ristretti, i televisori 4K sono una realtà che offre notevoli miglioramenti. Certo che siamo “schiavi” del contenuto. Se non offre una qualità minima, non sfrutteremo tutto il potenziale dei televisori 4K.

Quindi gli schermi con risoluzione Full HD sono ancora l’opzione numero uno per qualsiasi acquirente.

Come valutare la qualità dell’immagine su un televisore

Lo scenario ideale sarebbe un laboratorio dove sia possibile misurare la percentuale dello spazio colore utilizzato in grado di rappresentare, la luminosità totale del pannello, la qualità dei neri e una serie di parametri aggiuntivi. Ma sappiamo che non è possibile. Pertanto, è la nostra esperienza e il grado di domanda che ci porteranno a determinare la nostra schermata dell’idea. Naturalmente, seguendo alcune semplici linee guida e alla portata di tutti.

  • Illumi___one del display. Per misurare questo aspetto dovremo solo accendere lo schermo e senza alcuna sorgente di input o con un’immagine statica e preferibilmente di colore scuro. Ora vediamo se le possibili aree sono apprezzate dove vediamo come varia l’illumi___one. Qualcosa che ci permetta anche di rilevare eventuali problemi di clouding, flashinglight o addirittura banding (problemi con l’illumi___one).

  • Livelli di nero. Qui è importante utilizzare un tipo di contenuto con scene oscure che conosciamo bene. In questo modo, possiamo vedere se i dettagli vengono persi nella sua riproduzione.

  • Angoli di visione. La posizione ottimale per vedere qualsiasi schermo è con la linea di vista perpendicolare al televisore, ma avere buoni angoli di visione è importante se guardiamo qualcosa con la famiglia o anche sdraiati sul divano o sul letto. Quindi spostati lateralmente e controlla anche come appare se ti accovacci o ti alzi sopra quella linea di vista perpendicolare.

  • Nitidezza dei movimenti. Ci è stato detto che il refresh dello schermo, gli hertz, sono ciò che contraddistingue la fluidità e la nitidezza dei movimenti. È vero, ma a volte non riusciamo a lasciarci trasportare dalle cifre quindi niente di meglio che verificare come si comporta. I contenuti d’azione o le scene come quella all’inizio di Notting Hill sono perfetti da controllare.

  • Rescaling o upscaling della qualità. E se tutto quanto sopra è importante, anche la possibilità di ridimensionare. Non sempre visualizziamo i contenuti con la risoluzione nativa del pannello. Pertanto, è la televisione e la sua elettronica a dover creare informazioni aggiuntive per coprire ogni pixel del pannello. Qui, ogni produttore opta per i propri metodi che in alcuni casi danno risultati migliori di altri. Quindi un buon test è semplicemente guardare le trasmissioni di rete. Questi, non solo di solito non trasmettono a 1080p, ma lo fanno con bitrate piuttosto bassi.

Se a questo punto siamo già stati chiari in quale range ci muoveremo. Abbiamo visto alcuni modelli e dopo aver effettuato alcuni test abbiamo ancora dei dubbi, quindi è il momento di valutare gli extra. Quei dettagli che possono farci optare per l’uno o l’altro modello.

  • DisegnoSe ci piace esteticamente, potremo concedere alcuni problemi o dettagli nel suo funzionamento. Sì, non dovrebbe essere così, ma la sezione estetica è senza dubbio importante.

  • Suono Non sarebbe un extra ma a parità di qualità dell’immagine se il suono è migliore in uno rispetto all’altro può essere la chiave per decidere.

  • Piattaforma SmartTV. Con dispositivi come Apple TV, Amazon Fire TV o simili è sempre meno importante. Ma è ancora un punto da considerare. Soprattutto ora che abbiamo già visto proposte come WebOS di LG o il recente Tizen di Samsung. Qui Samsung e LG sono in vantaggio ma non perderei di vista Panasonic e le sue novità come My Stream, caratteristiche che abbiamo potuto vedere con il Panasonic AX800.

  • Telecomando. Il classico telecomando è ancora un’opzione valida ma abbiamo già altre possibilità che si rivelano molto comode. Alcuni televisori includono un secondo telecomando con solo i pulsanti necessari per il cambio canale, il volume e l’accesso al menu. Tralasciamo tutto il resto della tastiera che finisce per essere un fastidio e fornire controlli di generose dimensioni. Inoltre, alcuni consentono il controllo gestuale o vocale come l’ultimo di Samsung, Panasonic o l’ormai classico Magic Remote di LG.

  • Connettività. Se tutte, trattandosi di Smart TV, dispongono già di una connessione ethernet, non tutte includono il Wi-Fi. Pertanto, se non vogliamo acquistare accessori aggiuntivi o ricorrere a PLC, avere il Wi-Fi è importante. C’è anche la possibilità di avere una connessione bluetooth. Ideale se intendiamo utilizzare una tastiera esterna per facilitare la navigazione in Internet o le ricerche in applicazioni come YouTube.

Conclusioni

Nei prossimi articoli entreremo nel dettaglio di alcuni aspetti che interessano i diversi modelli di TV e che influiscono sulla loro qualità dell’immagine. Ma intanto, con questi punti, penso che abbiamo la metodologia per trovare la nostra nuova televisione ideale. Anche se influirà anche il tempo dedicato alla ricerca.

Infine, se ti senti un po’ sopraffatto da dettagli che potrebbero sfuggirti a causa del tuo profilo utente, ti riassumiamo un po’. Il televisore ideale si acquista:

  • Stabilire un budget massimo
  • Impostazione della dimensione dello schermo ideale
  • Preselezione di una serie di modelli iniziali
  • Confronta le caratteristiche e segnala i punti di interesse di ciascun modello
  • Controlla la qualità dell’immagine di ciascuno sul posto
  • Candidati decisi a valutare gli extra tra cui scegliere

Facile? Non preoccuparti. Vedremo anche diverse opzioni in base alle fasce di prezzo e allo strano articolo correlato. In modo che tu possa goderti la migliore immagine e suono.

In Engadget Smart Home | Speciale televisivo 2014

tv