Ghost of Tsushima non sarà di certo il gioco in cui veniamo eseguiti durante un’animazione di attacco, e quindi il controller lo eseguirà in TV nel giro di pochi minuti.

Abbiamo visto Ghost of Tsushima in movimento nell’ultimo State of Play per un tempo relativamente lungo, ma questa presentazione non ha davvero fatto luce sulla profondità del sistema di combattimento e molti si sono chiesti se Sekiro: Shadows Die Twice fosse di livello calcolo della difficoltà o semplicemente affettatura facile. Al blog PlayStation pubblicato in un post ora chiarito dallo sviluppatore Sucker Punch.

Nel post in questione, Chris Zimmerman, co-fondatore di Sucker Punch, ha parlato nel dettaglio del sistema di combattimento del gioco. Ha rivelato che il nostro protagonista, Jin, ha attacchi più lenti ma più potenti, ma possiamo interromperli in qualsiasi momento. Potremmo averne bisogno se, diciamo, un soldato mongolo ci sta attaccando. Quindi non “rimaniamo mai bloccati” nell’animazione di attacco, il che è un’ottima notizia. All’inizio dell’attacco di un avversario, vogliono dare al giocatore abbastanza tempo per reagire, ma in seguito gli eventi accelerano, quindi avremo tutto il tempo per contrastare il primo colpo, ma in seguito avremo bisogno di riflessi più veloci, perché poi siamo pronti per attaccare. Si è anche scoperto che mentre uno dei mongoli ci puntava la pistola, gli altri si stavano già preparando per i propri attacchi.

Il sistema di blocco e blocco non riserva troppe sorprese: bloccheremo tenendo premuto il tasto L1, e se lo premerai contemporaneamente all’attacco del tuo avversario, si formerà un blocco riuscito, a cui può seguire un contrattacco – se si unisce, verrà aggiunto un piccolo al nome Resolve. secondo il nostro standard battezzato – questo servirà per essere in grado di sopportare quante più ferite possibili. Con i giusti potenziamenti, puoi anche sbloccare il “contrattacco perfetto” più avanti nel gioco, il che richiede tempi ancora più precisi, ma se riesci a metterli insieme, puoi stordire i tuoi avversari per un breve periodo e premiarli con uno speciale, devastante contrattacco, oltre a una grande dose. Anche Resolve sta colpendo il nostro segno.

Le posizioni di combattimento saranno efficaci contro diversi tipi di avversari, una “posizione di combattimento di pietra” contro i Mongoli spadaccini, ad esempio, sarà la migliore, mentre una “posizione sull’acqua” sarà la scelta migliore per i cattivi dotati di scudo. Il video qui sotto lo dimostra in pratica.

Infine, Zimmerman ha anche affermato che in una fase precedente dello sviluppo, anche Hideo Kojima ha visitato il team e ha provato il gioco. Il sistema di combattimento all’epoca era ancora più sottosviluppato e Kojima tentò un vecchio trucco: sbuffava il pulsante dell’attacco rapido senza fermarsi, e con questo metodo abbatteva senza problemi la maggior parte degli avversari. Ovviamente questo è stato migliorato da allora, quindi non varrà la pena utilizzare questa soluzione nella versione finita.

  • Sviluppatore: Sucker Punch Productions
  • Editore: Sony Computer Entertainment
  • Piattaforma: PlayStation 4
  • Stile: Azione
  • Aspetto esteriore: 17/07/2020

Ghost of Tsushima è un gioco d’azione samurai del team di sviluppo della serie Infamous, la cui storia si svolge nel 1274, e si concentra sull’ultimo membro sopravvissuto dei leggendari guerrieri samurai, che, sotto il controllo dei giocatori, è innocente.