Samsung ha compiuto progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità del 2025 per il business MX (Mobile eXperience). Le iniziative chiave includono lo sviluppo e l’incorporazione di materiali riciclati nei prodotti, la progettazione di imballaggi più rispettosi dell’ambiente e il riciclaggio dei vecchi dispositivi Samsung Galaxy per ridurre i rifiuti elettronici.

Da quando ha annunciato la visione Galaxy for the Planet a Unpacked nell’agosto 2021, Samsung ha lavorato duramente per creare nuovi modi per riciclare e riutilizzare le risorse che altrimenti diventerebbero rifiuti pericolosi. Anche la riduzione dell’impronta ecologica e la stimolazione dell’innovazione sono importanti. Oggi, Samsung condivide i progressi finora.

“Samsung ha adottato misure per aiutare a proteggere le persone e il pianeta da qualche tempo, combinando sostenibilità e innovazione”, afferma Gerben van Walt Meijer, Marketing Manager Mobile eXperiences presso Samsung Netherlands. “Siamo orgogliosi dei nostri progressi fino ad oggi. Allo stesso tempo, c’è ancora molto lavoro da fare e stiamo facendo tutto il possibile per realizzare la nostra visione di sostenibilità”.

Utilizzo esteso di materiali riciclati a Galaxy Z Fold4 e Galaxy Z Flip4
Lo sviluppo di nuovi materiali riciclati è un’importante area di interesse per Galaxy for the Planet. Più Samsung ricicla, più risorse vengono risparmiate. Mentre il riutilizzo dei materiali nei dispositivi Galaxy pone molte sfide, i vantaggi per il pianeta ne valgono la pena.

Samsung ha progettato la nuova serie Galaxy Z e Galaxy Buds2 Pro con reti da pesca riciclate
Le reti da pesca riutilizzate sono state integrate per la prima volta nella serie Galaxy S22 nel febbraio 2022. Oggi ci sono undici modelli Galaxy che utilizzano reti da pesca riciclate, tra cui la serie Galaxy Book2 Pro e la serie Galaxy Tab S8. Trasformando le reti da pesca scartate in materiali di alta qualità per i dispositivi Galaxy, Samsung contribuisce a ridurre l’impatto dell’inquinamento da plastica: ogni anno 640.000 tonnellate di reti da pesca vengono abbandonate negli oceani del mondo.

Il riutilizzo delle reti da pesca scartate è solo un esempio dei progressi compiuti da Samsung nell’integrare la quantità di materiali riciclati nei suoi prodotti.

Samsung ha incorporato materiali più rispettosi dell’ambiente, tra cui reti da pesca riciclate, materiali post-consumo (PCM) o resina a base biologica, nel 90% dei dispositivi Galaxy lanciati nell’ultimo anno. Oltre il 90% del Galaxy Buds2 Pro è realizzato con materiali riciclati.

Questo processo richiede competenze tecniche complesse per garantire la qualità complessiva, la sicurezza e l’affidabilità dei nuovi materiali. Samsung prevede di effettuare ulteriori investimenti in ricerca e sviluppo per trovare altri nuovi materiali da utilizzare nei prodotti Galaxy. E per aumentare ulteriormente la quantità di materiali riciclati in ogni dispositivo.

Un nuovo modo di confezionare
Samsung ha fissato l’obiettivo di eliminare tutta la plastica monouso dagli imballaggi dei prodotti mobili entro il 2025.

Samsung utilizza carta riciclata al 100% per la confezione dei suoi prodotti di punta. Ad esempio, quest’anno stiamo salvando l’equivalente di quasi 51.000 alberi con la serie Galaxy S22 e la nuova serie Galaxy Z.

Samsung ha anche ridotto il volume della confezione di Galaxy Z Flip4 e Galaxy Z Fold4 rispettivamente del 52,8% e del 58,2%, rispetto ai Galaxy Foldable di prima generazione. Riducendo il volume dell’imballaggio di ciascun dispositivo, Samsung riduce l’impronta di carbonio durante il trasporto su camion, aereo e nave. Si stima che questa riduzione del volume degli imballaggi ridurrà le emissioni di CO2 di circa 10.000 tonnellate entro la fine del 2022. Oltre agli imballaggi in continua evoluzione per gli smartphone di punta, Samsung applicherà anche imballaggi ecologici in altre categorie di prodotti.

Aumentare le soluzioni per i rifiuti elettronici
Ridurre i rifiuti elettronici, o rifiuti elettronici, è fondamentale per un’economia circolare che conservi e riutilizzi le risorse limitate del nostro pianeta. Secondo il World Economic Forum, nel 2021 sono stati generati 57 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e si prevede che cresceranno di 2 milioni di tonnellate all’anno.

Per risolvere questo problema, Samsung ha ampliato il suo programma Galaxy Upcycling, che offre ai vecchi smartphone Galaxy una nuova prospettiva di vita. Attraverso Galaxy Upcycling at Home, Samsung riutilizza gli smartphone con un semplice aggiornamento software. Trasforma gli elettrodomestici in dispositivi domestici intelligenti per supportare le esigenze quotidiane, come la cura dei bambini e degli animali domestici.

Un’importante punta di diamante di Galaxy Upcycling è che queste innovazioni migliorano anche la vita delle persone. Ad esempio, l’azienda trasforma anche i dispositivi Galaxy di seconda mano in apparecchiature diagnostiche mediche denominate telecamere del fondo oculare EYELIKE™, fornendo cure oculistiche essenziali nelle comunità svantaggiate. Il programma ha già dato nuova vita a centinaia di dispositivi Galaxy e fornito cure oculistiche di base a più di 13.000 pazienti in Vietnam, Marocco, India e Papua Nuova Guinea.