I progetti di Gartner La spesa IT mondiale ammonterà a 3,9 trilioni di dollari nel 2021, con un aumento del 6,2% rispetto al 2020, quando gli investimenti sono diminuiti di poco più del 3%.

Secondo Gartner, tutti i segmenti di spesa IT, dai sistemi di data center ai servizi di comunicazione, dovrebbero tornare a crescere nel 2021. Si prevede che il software aziendale avrà il rimbalzo più forte, l’8,8%, man mano che gli ambienti di lavoro remoti vengono ampliati e migliorati. Il segmento dei dispositivi vedrà la seconda crescita più alta, dell’8%, e si prevede che raggiungerà i 705,4 miliardi di dollari.

“I CIO devono compiere un atto di equilibrio da svolgere nel 2021: risparmiare denaro ed espandere l’IT”, ha affermato John-David Lovelock, illustre vicepresidente della ricerca presso Gartner in una dichiarazione. “Con il ritorno dell’economia a un livello di certezza, le aziende stanno investendo nell’IT in modo coerente con le loro aspettative di crescita, non con i loro attuali livelli di fatturato”.

Le aziende stanno industrializzando il lavoro a distanza per i dipendenti poiché le misure di quarantena tengono i dipendenti a casa e la stabilizzazione del budget consente ai CIO di reinvestire in risorse che erano state esaurite nel 2020, ha affermato Lovelock. “Mentre i paesi continuano l’istruzione a distanza durante quest’anno, ci sarà una domanda di tablet e laptop per gli studenti”, ha affermato.

La trasformazione del business digitale sarà un enorme motore di spesa fino al 2024, ha affermato Lovelock.

“Il business digitale rappresenta la tendenza tecnologica dominante tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 con aree come il cloud computing, le applicazioni core business, la sicurezza e l’esperienza del cliente in prima linea. Le iniziative di ottimizzazione, come l’iperautomazione, continueranno e l’obiettivo di questi progetti rimarrà sulla restituzione del denaro e sull’elimi___one del lavoro dai processi, non solo dalle attività”, ha affermato Lovelock.

Il concetto di iperautomazione implica la combi___one di machine learning (ML), software in pacchetto e strumenti di automazione per fornire lavoro, ha affermato Gartner. La pandemia ha accresciuto la domanda con l’improvvisa richiesta che tutto fosse “digital-first”. Di conseguenza, l’arretrato di richieste da parte delle parti interessate ha spinto oltre il 70% delle organizzazioni commerciali a intraprendere dozzine di iniziative di iperautomazione, ha aggiunto Gartner.

Lovelock ha affermato che le aziende saranno costrette ad accelerare i piani di trasformazione del business digitale di almeno cinque anni per sopravvivere in un mondo post-COVID-19 che implica un’adozione permanentemente maggiore del lavoro a distanza e dei punti di contatto digitali. Gartner prevede che la spesa IT globale relativa al lavoro a distanza ammonterà a 332,9 miliardi di dollari nel 2021, con un aumento del 4,9% rispetto al 2020.

La previsione rappresenta una ripresa rispetto alle previsioni del 2020. A maggio, Gartner ha affermato che la spesa IT in tutto il mondo dovrebbe raggiungere i 3,4 trilioni di dollari nel 2020, un calo dell’8% rispetto al 2019 a causa dell’impatto del COVID-19 e che la pandemia continuerà a influenzare la spesa IT.

“Il business digitale rappresenta la tendenza tecnologica dominante tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 con aree come il cloud computing, le applicazioni core business, la sicurezza e l’esperienza del cliente in prima linea”, ha affermato Lovelock. “Le iniziative di ottimizzazione, come l’iperautomazione, continueranno e il focus di questi progetti rimarrà sulla restituzione del denaro e sull’elimi___one del lavoro dai processi, non solo dalle attività.

“Nel 2021 arriveranno maggiori livelli di digitalizzazione dei processi interni, della catena di fornitura, delle interazioni con clienti e partner e della fornitura dei servizi, consentendo all’IT di passare dal supporto al business all’essere business. Il cambiamento più grande di quest’anno sarà il modo in cui viene finanziata l’IT, non necessariamente quanto viene finanziata l’IT”.