Attraverso una dichiarazione, Johnson & Johnson chiede il richiamo “volontario” di un lotto del suo famoso talco per bambiniCiò dopo che i test della Food and Drug Administration (FDA) statunitense hanno rilevato livelli di contami___one da amianto crisotilo in campioni prelevati da una bottiglia del popolare talco.

Secondo la stessa Johnson & Johnson, questo riguarda solo un “piccolo lotto” di 33.000 bottiglie di polvere per bambini, prodotti e venduti online negli Stati Uniti. Finora non ci sono informazioni che confermino che alcune delle bottiglie siano state vendute fuori dal Paese, ma la possibilità non è esclusa.

Johnson & Johnson garantisce che il suo talco sia sicuro

Nella dichiarazione, Johnson & Johnson minimizza il rischio garantendolo i livelli di amianto riscontrati non superavano lo 0,00002%. L’azienda ha anche riferito che stanno già indagando sull’accaduto, al fine di confermare se si tratti di un caso di “contami___one incrociata”, poiché non possono garantire che il campione analizzato dalla FDA provenga da una bottiglia con il sigillo intatto o il talco analizzato era autentico.

Detto questo, e come misura precauzionale, Johnson & Johnson chiede a chi ha una bottiglia di talco per bambini con lotto n. 22318RB interrompere immediatamente l’utilizzo del prodotto e contattare il centro di assistenza clienti per un rimborso.

“Abbiamo immediatamente avviato un’indagine rigorosa e completa su questa questione e stiamo lavorando con la FDA per determinare l’integrità del campione testato e la validità dei risultati del test. Abbiamo un rigoroso standard di qualità in atto per garantire che il tuo talco sia sicuro e anni di test, compresi i test della FDA in occasioni precedenti (come quelli condotti il ​​mese scorso) non hanno rilevato amianto. Migliaia di test negli ultimi 40 anni confermano ripetutamente che i nostri prodotti di consumo a base di talco non contengono amianto. “

Johnson & Johnson affronta migliaia di azioni legali da parte di persone che sostengono che il talco abbia causato il cancro

Questo ritiro arriva proprio quando Johnson & Johnson deve affrontare più di 11.700 cause legali di persone che affermano che il talco per bambini ha causato una qualche forma di cancro, secondo una ricerca del Wall Street Journal.

Alla fine dell’anno scorso, Reuters ha riferito che Johnson & Johnson sapeva dal 1971 che il suo talco per bambini conteneva amianto ed era potenzialmente cancerogeno. Le informazioni indicano inoltre che la società non solo era a conoscenza di questo rischio, sarebbero stati anche incaricati di nasconderlo per diversi decenni per proteggere il proprio marchio di talco, oggi uno dei più venduti al mondo.

Nel luglio 2018 si è conclusa una delle cause intentate da 22 donne che sostenevano che il talco causasse il cancro alle ovaie e Johnson & Johnson è stato giudicato colpevole e condannato a pagare 4.690 milioni di dollari, l’importo più alto che l’azienda abbia mai pagato per questo tipo di casi. Tuttavia, Johnson & Johnson ha affermato che questo caso era “atipico” ed è stato causato dal talco industriale.

Foto di copertina | Mike Mozart