Nawa Technologies è un’azienda che si dedica allo sviluppo e alla produzione di condensatori, che per dimostrare la capacità e le possibilità del loro prodotto ha deciso di creare una motocicletta elettrica. È conosciuto come corridore di Nawae la sua più grande novità è l’autonomia fino a 300 chilometri, secondo l’azienda, con una batteria di soli 9 kW.

Com’è possibile? Secondo Nawa, con l’installazione di a sistema di alimentazione ibrido basato su un condensatoreche è in grado di recuperare tra l’80 e il 90% dell’energia frenante, quindi è destinato all’uso in ambito urbano.

Tecnologia che ora stanno cercando di implementare in altri veicoli elettrici

Secondo la società, il tuo condensatore può essere caricato e scaricato quasi immediatamente e dura per milioni di cicli, rendendolo un perfetto accumulatore di energia. Tuttavia, la sua bassa densità di energia lo rende non compatto come una batteria al litio, inoltre perde potenza nel tempo. Per questo motivo, un condensatore non è una buona opzione come unica unità di accumulo di energia all’interno di un veicolo.

In questo scenario, l’azienda spiega di aver progettato una piattaforma ibrida collegata a una batteria al litio, dando così vita a un’unità di potenza in grado di aumentare la densità e la capacità di accumulo. Avendo così una batteria con accumulo medio che sfrutta le velocità di carica e scarica rapida di un condensatore. Questo può essere utilizzato in misura maggiore nei luoghi urbani dove si effettuano regolarmente fermate e partenze, come nelle città.

Per dimostrare tutto questo, Nawa mostrerà il prototipo della sua moto elettrica durante il prossimo CES 2020, anche se al momento non è nei loro piani di commercializzarlo, poiché il loro obiettivo è vendere i loro condensatori. Tra le sue caratteristiche, questa motocicletta ha un motore elettrico da 99 CV e farà da 0 a 100 km/h “in meno di tre secondi”.

Nawa decise dividere il design della moto in due parti sotto un design estremamente accattivante. In basso c’è la batteria da 9 kW, mentre in alto c’è il condensatore. Secondo l’azienda, con questa batteria avremmo circa 180 km di autonomia, ma l’incursione del condensatore da 0,1 kW aumenta detta autonomia fino a 300 km, questo a patto che l’energia frenante venga riutilizzata.

La motocicletta ha un peso di 150 chilogrammi E, secondo Nawa, l’installazione di questo condensatore “non aumenta molto il prezzo”, ma evita di avere una batteria più grande che aggiungerebbe peso e aumenterebbe notevolmente il prezzo.

Secondo l’azienda, l’uso di sistemi di condensatori ibridi ci consentirà di avere Veicoli elettrici più leggeri ed economici con una lunga autonomia, qualcosa di ideale in quello che arriva il Santo Graal delle batterie. In realtà questa idea non è nuova, l’abbiamo già vista in alcuni altri progetti, come il caso della Lamborghini Sián, che cerca di sostituire le batterie con dei supercondensatori per ricaricare l’energia.

Nawa prevede di iniziare a ricevere ordini per i suoi condensatori dopo il CES 2020, per poi iniziare la produzione su larga scala durante il secondo trimestre dell’anno e iniziare le consegne per la seconda metà dello stesso 2020.