A ottobre il rialzo dei prezzi rallenta sensibilmente, Bruno Le Maire prevede la fine della “crisi inflazionistica”

Ξ News

A ottobre il rialzo dei prezzi rallenta sensibilmente, Bruno Le Maire prevede la fine della “crisi inflazionistica”

Un mantenimento accolto favorevolmente dall’esecutivo. La crescita del prodotto interno lordo (PIL) francese è rallentata allo 0,1% nel terzo trimestre, rimanendo a malapena in territorio positivo grazie alla ripresa dei consumi delle famiglie, secondo una prima stima dell’INSEE pubblicata martedì.

Questo modesto aumento del PIL tra luglio e settembre, in linea con le previsioni dell’Istituto ___onale di Statistica, segna un netto rallentamento rispetto alla crescita dello 0,6% registrata nel secondo trimestre (l’INSEE lo ha rivisto al rialzo). di 0,1 punti). In reazione, il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha accolto martedì mattina con favore l’economia francese che “regge” nel terzo trimestre.

“Stiamo uscendo dalla crisi inflazionistica”, ha stimato anche il ministro in occasione della pubblicazione dei dati sull’inflazione che mostrano un netto rallentamento su un anno in ottobre rispetto a settembre, al 4% dopo il 4,9%. Questo calo dell’inflazione è dovuto, secondo l’Istituto di Statistica, al rallentamento su un anno dei prezzi dell’energia, degli alimentari e, in misura minore, dei prodotti manifatturieri. I prezzi dei servizi aumenterebbero leggermente. Su un mese, i prezzi al consumo dovrebbero aumentare dello 0,1% a ottobre 2023, dopo il -0,5% di settembre.

“Non può esserci una crescita solida se non si elimina definitivamente l’inflazione: stiamo uscendo dalla crisi inflazionistica, è un successo della politica economica del governo che ha consentito alle famiglie francesi, uniche tra tutti i paesi europei, di risparmiare a doppia cifra tassi di inflazione. per diversi mesi”, ha detto ai giornalisti Bruno Le Maire.

Consumi delle famiglie in aumento

“La domanda interna finale accelera e contribuisce positivamente alla crescita del PIL in questo trimestre (+ 0,7 punti dopo + 0,2 punti nel secondo trimestre del 2023), grazie all’aumento congiunto dei consumi delle famiglie”, rileva l’Insee nella sua pubblicazione. Al contrario, il commercio estero si contrae nel terzo trimestre del 2023: le esportazioni diminuiscono significativamente dopo un secondo trimestre dinamico. In questo contesto, il commercio estero contribuisce negativamente alla crescita del PIL in questo trimestre (-0,3 punti dopo -0,1 punti).”

Il principale motivo di soddisfazione resta, infatti, la lieve ripresa dei consumi delle famiglie, in leggero rimbalzo dello 0,2% a settembre. Nel dettaglio, secondo l’INSEE, a trainarli è stato l’aumento degli acquisti di prodotti alimentari (+1,2%). Le famiglie hanno effettuato maggiori acquisti di prodotti alimentari, in particolare nei comparti bevande, prodotti da forno e pasta. Tuttavia, a settembre il consumo alimentare è stato inferiore del 3,9% rispetto a settembre 2022. Tuttavia, gli economisti intervistati da Reuters erano più ottimisti e si aspettavano in media un aumento della spesa al consumo dello 0,4%. famiglie nel mese di settembre.

Anche gli investimenti delle imprese restano per il momento dinamici (+1,5%). D’altro canto, dopo un secondo trimestre dinamico, le esportazioni si sono contratte dell’1,4% nel periodo, per cui il contributo del commercio estero alla crescita è negativo. Anche la produzione manifatturiera è scesa, dello 0,3%, e quella dei servizi di mercato è rallentata allo 0,3%.

Per l’intero 2023, l’INSEE prevede una crescita dello 0,9%, identica alla previsione della Banque de France e leggermente inferiore a quella del governo (+1%).

Con questo contesto economico in deterioramento, una disoccupazione di nuovo in aumento, un debito pubblico di oltre 3.000 miliardi di euro e un deficit pubblico ancora fuori dal controllo di Bruxelles, la situazione è complicata per il governo. E Bruno Le Maire dovrà stringere la vite sui conti pubblici per non rischiare di essere malvisto dalle agenzie di rating ma anche per evitare sanzioni da parte della Commissione Europea.

L’incertezza del conflitto in Medio Oriente

“La situazione in Medio Oriente offre prospettive difficili da prevedere. Un prolungamento del conflitto in questa regione potrebbe rimescolare notevolmente le carte. Bruno Le Maire ha riconosciuto che allora sarebbe necessario ” rivedere l’intera copia » previsioni mentre Bercy incrocia le dita per una ripresa della crescita all’1,4% nel 2024. Altro handicap, gli alti tassi di interesse decisi dalla Banca Centrale Europea (BCE) per calmare il gioco dell’inflazione cominciano a pesare seriamente sull’attività delle famiglie o investimenti come nel settore immobiliare.

titolo gn

A ottobre il rialzo dei prezzi rallenta sensibilmente, Bruno Le Maire prevede la fine della “crisi inflazionistica” - 1

hot Vengeance Dettagli storia, demoni e DLC


hot Cambiare la posizione dei download di Sony Xperia 1 IV?


hot 7 corsi di formazione per sviluppare le tue competenze di marketing digitale


hot Cambiare la posizione dei download di Pocophone X4 Pro?


hot Cambiare la posizione dei download di Pocophone M4?


hot Social network: i principali KPI da seguire per il tuo brand


hot PlayStation supporterà le passkey come alternativa alla password


hot Accelerazione delle chiamate su WhatsApp grazie ai Contatti preferiti


hot Il CEO di Insight Timer sconvolto dal brusco cambiamento di Apple nelle regole dell'App Store


hot I giocattoli ___ contengono malware?



Stephen Gonzales

persona dinamica con una vasta gamma di talenti e passioni. Con un background nello sviluppo web, ha affinato le sue capacità nella creazione di esperienze digitali innovative e user-friendly. In qualità di CEO di Hire Quality Software, Stephen guida un team dedicato alla fornitura di soluzioni software di prim'ordine. Con un percorso di programmazione che risale al 1981, ha imparato linguaggi come Fortran, Pascal, C, Python, icone e logica ladder. Al di là della sua esperienza tecnica, Stephen abbraccia la vita come creatore, giocatore, sostenitore del cibo professionista, evangelista del web e nerd dei viaggi. Attraverso i suoi diversi interessi, cerca continuamente di avere un impatto in vari domini e condividere il suo amore per la tecnologia, il cibo e l'esplorazione con il mondo.