La Guyana, il più grande giacimento petrolifero del mondo, sull’orlo del conflitto armato

Ξ News

La Guyana, il più grande giacimento petrolifero del mondo, sull’orlo del conflitto armato

Foreste a perdita d’occhio… e le più grandi riserve mondiali di petrolio greggio, pro capite, al largo delle coste. La Guyana, ex colonia britannica e membro del Commonwealth, attira più che mai tutti i desideri. E per una buona ragione. L’Essequibo, il suo territorio di 160.000 km2, due volte la superficie della regione della Nouvelle-Aquitaine, o cinque volte la superficie della Guyana francese, ha ravvivato gli interessi venezuelani da quando vi è stato scoperto il petrolio dal gruppo americano. ExxonMobil nel 2015. Assegnato aGuyanacon una decisione del 1899, questo territorio, che rappresenta i due terzi della superficie del paese, è oggi rivendicato dal suo vicino e dal primo produttore mondiale di petrolio.

I problemi legati al petrolio sono tali che potrebbero portare questa regione del mondo in un conflitto armato. J.Giovedì 7 dicembre, gli Stati Uniti hanno annunciato che stavano conducendo esercitazioni militari aeree di “routine” su questo paese dell’America Latina. All’opposto, il Venezuela di Nicolas Maduro si è dimostrato altrettanto determinato a difendere le terre che considera acquisite durante un referendum – contestato – di domenica che ha dato un “sì” al 95% all’annessione di questo territorio. Da parte della Guyana, l’esercito è in “piena allerta” accusando il Venezuela di essere una “___one fuorilegge” e di “un rischio significativo per la pace e la sicurezza”.

Un territorio storicamente ambito

Situata tra Suriname, Brasile e Venezuela, la Guyana è al crocevia dei blocchi americani e delle loro influenze. Al momento della sua indipendenza nel 1966, nel pieno della Guerra Fredda, si avvicinò al blocco sovietico, a Cuba e alla Corea del Nord. Il territorio di Essequibo è già rivendicato dal Venezuela. Ma ha pochi abitanti. Per rimediare a ciò, negli anni ’80, il presidente della Guyana pensò allora al ripopolamento artificiale con l’immigrazione di 10.000 haitiani.

Di fronte all’appetito dell’America capitalista, nel 1983, il presidente Burnham, vicino all’URSS, mise in guardia contro una possibile invasione dell’esercito americano nel suo paese per “schiacciare l’indipendenza”.

All’inizio degli anni ’90, il paese iniziò una svolta liberale e un’ondata di privatizzazioni. Le imprese straniere, nordamericane ma anche cinesi, si affrettano a rispondere alle gare d’appalto e a sfruttare le sue risorse.

Nel 1991, ilLa compagnia petrolifera Total stava effettuando esplorazioni petrolifere offshore. Il gruppo francese aveva scoperto giacimenti di gas situati al largo a circa 100 chilometri a nord-est della capitale Georgetown.

Oggi, TotalEnergies detiene interessi in due giacimenti: Orinduik (15%) e Canje (35%), che sono ancora in fase di esplorazione.

In totale, questo piccolo paese anglofono di 800.000 abitanti (e 125.000 a Essequibo) dispone di riserve di oltre 10 miliardi di barili con possibili nuove scoperte. Le sue riserve pro capite lo collocano addirittura davanti a Brunei, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti. Con ExxonMobil lo aspetta l’altro colosso Chevron.

In questo contesto, la Cina ha chiesto ai due paesi di risolvere la loro controversia” in modo corretto » mentre l’esercito brasiliano ha annunciato mercoledì un rafforzamento della sua presenza ai confini con la Guyana e il Venezuela.

Legno, zucchero, oro, diamanti e gas

Inoltre, la Guyana è piena di risorse naturali. Oltre al petrolio, situato nel cuore dell’Amazzonia, è anche una riserva di legname. Ambite dalla Cina, sono in gioco anche le riserve di gas. Questo stato caraibico, la cui moneta ___onale è il dollaro della Guyana, è anche una terra di minerali, come la bauxite. Le miniere e le fabbriche di bauxite canadesi e americane furono ___onalizzate dopo l’adozione del governo repubblicano nel 1970. Il paese ha anche riserve di oro e diamanti. Infine, l’economia si basa anche sulle esportazioni, in particolare sullo zucchero. Il paese sta attualmente sviluppando il commercio di prodotti agricoli con l’Europa occidentale (banane, patate dolci, mango e altri prodotti).

Ricchezza distribuita in modo diseguale

Ma la Guyana è il terzo paese più povero della regione, con oltre il 48% della sua popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà, secondo la Banca Mondiale. Soprattutto, lo Stato è fortemente indebitato e la sua moneta è stata notevolmente svalutata.

Anche di recente, alla vigilia delle ultime elezioni presidenziali, ha attraversato una crisi politica a causa delle forti tensioni etniche tra la maggioranza indiana e la minoranza nera.

Le previsioni del FMI contrastano però nettamente con la situazione sociale del paese. La Guyana è il paese in più rapida crescita al mondo ed è sulla buona strada per superare il 100%, in gran parte grazie ai profitti derivanti dal settore della produzione e dell’esportazione di petrolio. Secondo le recenti previsioni sul PIL del Fondo monetario inter___onale, entro la fine dell’anno la sua crescita annuale dovrebbe raggiungere il 38%.

titolo gn

La Guyana, il più grande giacimento petrolifero del mondo, sull’orlo del conflitto armato - 1

hot Crunchyroll lancia l'app per le smart TV LG


hot The Wizards – Dark Times: Brotherhood, disponibile su PS VR2


hot “Le eccessive assunzioni e poi i licenziamenti sono una pratica orribile”:…


hot L’operazione Galuga viene lanciata il 12 marzo


hot Final Fantasy VII Ever Crisis raggiunge 7,77 milioni di download


hot Sono arrivati ​​i risultati dell'As d'Or 2024! Duro colpo per Darwin!


hot Una balestra con mitragliatrice, spade a mano inversa e armi...


hot Automata supera gli otto milioni di copie vendute


hot Apple sconsiglia l'uso del riso per asciugare gli iPhone bagnati


hot Le colonne sonore di Persona 3 Portable, Persona 4 Golden e Persona 3 Reload arrivano su vinile



Timothy Stewart

passione per la creazione di siti Web visivamente sbalorditivi e reattivi. Con una straordinaria carriera che dura da oltre 35 anni, si è affermato come imprenditore, ingegnere ed educatore di software. L'esperienza di Timothy va oltre i regni tecnici poiché sostiene anche il reclutamento basato sulla cultura presso SamaRank, riconoscendo l'importanza della diversità e dell'inclusività nella forza lavoro. In quanto fanatico di Twitter, rimane aggiornato sulle ultime tendenze e condivide le sue intuizioni con la comunità online. Riconosciuto per le sue capacità di problem solving, Timothy ha ottenuto riconoscimenti per le sue soluzioni innovative. Con uno stile di comunicazione sottilmente affascinante, si connette senza sforzo con gli altri, promuovendo la collaborazione e guidando il successo.