Le relazioni tra Francia e Marocco emergono dall’era glaciale

Ξ News

Le relazioni tra Francia e Marocco emergono dall’era glaciale

Tra Parigi e Rabat il permafrost si sta sciogliendo? Da una parte e dall’altra, si moltiplicano i segnali d’allarme della fine di un inverno prolungato, che suggeriscono un periodo di riscaldamento nelle relazioni franco-marocchine, sottoposte per due anni a temperature gelide.

La scelta di Samira Sitail come ambasciatrice del regno a Parigi è stata approvata il 19 ottobre dal re del Marocco. La sua assunzione ufficiale in carica era attesa da tempo, ma la sua nomina dà un volto a una rappresentanza diplomatica che non si vedeva dal gennaio di quest’anno. Due settimane prima, Mohammed VI aveva finito per accreditare l’ambasciatore francese a Rabat, Christophe Lecourtier, che gli aveva presentato le sue credenziali dopo la sua nomina quasi un anno fa.

Accanto a questa “normalizzazione” diplomatica, sono aumentati gli incontri tra funzionari dei due paesi, a testimonianza, anche in questo caso, di una volontà di ripresa. In ottobre, il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, si è incontrato a Marrakech con il suo omologo marocchino e il capo del governo, Aziz Akhannouch. Quanto al direttore generale dell’Agenzia francese per lo sviluppo, Rémy Rioux, è stato ricevuto a Rabat in novembre dal ministro degli Affari esteri marocchino, Nasser Bourita.

Leggi anche la storia: Articolo riservato ai nostri abbonati Tra Francia e Marocco, rapporti diplomatici che si inaspriscono

Ma il disgelo si preannuncia lento e graduale. “Noi procediamo con cautela, senza trionfalismi e restando modesti”, spieghiamo all’ambasciata francese a Rabat, dove assicuriamo che gli scambi con gli alti funzionari marocchini non si sono mai interrotti e che si svolgono consultazioni regolari da entrambe le parti su diversi temi. Da parte marocchina, la discrezione, che era ancora necessaria negli ultimi mesi, è scomparsa a favore di una presunta esibizione. Gli scambi segreti con decisori e rappresentanti francesi hanno portato a incontri di successo che sono ora oggetto di comunicati stampa pubblicati sulla stampa marocchina.

“Sciupare”

Se è la prova di un ritorno alla normalità, questo ripristino, insistiamo da parte francese, richiede anche un cambio di software. “Credevamo di poter continuare con il Marocco come abbiamo fatto negli ultimi trent’anni, ma questo non è più possibile” abbiamo ammesso in ambasciata, rammaricandoci di una forma di “arroganza” e di “errori di valutazione”.

Tra questi c’è il video di Emmanuel Macron pubblicato su Twitter pochi giorni dopo il terremoto che ha colpito la regione di Marrakech a settembre e ha causato la morte di 3mila persone. Il presidente francese dichiara di volersi rivolgere “direttamente ai marocchini”. Un discorso contrario al protocollo, secondo la stampa marocchina, che ha criticato il capo dello Stato per aver voluto “scavalcare” il re.

Ti resta il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Le relazioni tra Francia e Marocco emergono dall’era glaciale - 1

hot Recensioni degli studenti Simplilearn: storie vere di successo e crescita


hot Svelate le prime specifiche del Galaxy Z Fold 6


hot L’annoso dibattito: PC contro Mac


hot Più filmati, più creatività, più caverne: Figli del...


hot Cuffie USB-c non riconosciute dal mio OPPO A57


hot Animazione 2D scatenata: un'immersione profonda in diverse tecniche artistiche


hot Cuffie USB-c non riconosciute dal mio Vivo X60


hot Shantae Advance: Risky Revolution – Disponibile tramite Limited Run Games


hot 10 vantaggi nell'assumere designer UI UX per le piccole imprese


hot Figli della foresta: come trovare stampanti 3D



Lawrence Smith

spinti dalla passione per la tecnologia e le attività creative. In qualità di analista tecnologico, applica la sua esperienza per analizzare e ottimizzare sistemi complessi, assicurando che le organizzazioni rimangano all'avanguardia nei progressi tecnologici. Al di là delle sue capacità analitiche, Lawrence è un inventore e un innovatore, che spinge costantemente i confini di ciò che è possibile. In qualità di tutor e mentore, condivide le sue conoscenze e ispira la prossima generazione di aspiranti menti. Con un occhio attento alla creatività, Lawrence è anche un creatore di contenuti e direttore creativo, creando esperienze accattivanti che risuonano con il pubblico. Oltre alle sue attività tecnologiche, ha conseguito una laurea specialistica in Assistenza all'infanzia e alla gioventù, che incarna la sua dedizione ad avere un impatto positivo sulla vita dei giovani.