Splinter Cell e Assassin’s Creed VR esclusi su Oculus Rift?

assassin

Splinter Cell e Assassin’s Creed VR esclusi su Oculus Rift?

Storicamente, e ancora di più oggi con la proliferazione di attori nell’industria dei videogiochi, le esclusive sono il nerbo della guerra. Sono quelli che opteranno per PlayStation, Switch, PC o Xbox e, nella realtà virtuale, per PlayStation VR, HTC Vive, Valve Index o Oculus Rift.

Ovviamente consapevole di ciò, Facebook, proprietario di Oculus, secondo quanto riferito, ha ordinato due giochi esclusivi basati su Splinter Cell e Assassin’s Creeddue colossi della Ubisoft francese, se vogliamo crederci L’informazione.

Per il momento questi rumori di corridoio sono da prendere con le pinze, ma Oculus farebbe una bella mossa a seconda della qualità dei titoli, tanto da mettere in risalto i suoi Rift e Rift S. The Quest essendo meno potente, è improbabile che sia nell’equazione, sapendo che alcune app come Lone Echo non sono state portate su di esso (a differenza di Beat Saber, SUPERHOT VR, ecc.)

hot Vengeance Dettagli storia, demoni e DLC


hot Cambiare la posizione dei download di Sony Xperia 1 IV?


hot 7 corsi di formazione per sviluppare le tue competenze di marketing digitale


hot Cambiare la posizione dei download di Pocophone X4 Pro?


hot Cambiare la posizione dei download di Pocophone M4?


hot Social network: i principali KPI da seguire per il tuo brand


hot PlayStation supporterà le passkey come alternativa alla password


hot Accelerazione delle chiamate su WhatsApp grazie ai Contatti preferiti


hot Il CEO di Insight Timer sconvolto dal brusco cambiamento di Apple nelle regole dell'App Store


hot I giocattoli ___ contengono malware?



William Anderson

Incontra William Anderson, una persona versatile con una passione per la creatività e un profondo apprezzamento per il mondo dei videogiochi. Armato di un diploma del Northern Alberta Institute of Technology, è entrato nel mondo professionale nel 2006. In qualità di responsabile della sicurezza, spedizioniere operativo presso PST Transport Inc dal 2007 al 2009, William ha mostrato il suo impegno per garantire un ambiente di lavoro sicuro ed efficiente. Oggi prospera come creatore di contenuti e direttore creativo, incanalando la sua creatività in progetti accattivanti. Mentre si identifica come un introverso, William è un guru dei viaggi, aprendo nuove strade nel panorama del web. Con un'affinità per la cultura pop e un amore per gli zombi, è un malvagio studioso di birra e un analista perspicace, sempre alla ricerca di svelare le profondità delle sue passioni.