Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs.

Nelle scorse settimane, Huawei Mate Xs è stato mio ospite. Ovviamente non è possibile impostare un test a lungo termine in breve tempo e anche i servizi Google mancanti sono un grosso handicap per la mia vita quotidiana. Semplicemente non vogliamo riaprire i soliti argomenti, ma piuttosto parlare un po’ del concetto di smartphone pieghevole. È un grande concetto che in realtà ha solo bisogno di molta messa a punto.

Huawei aveva presentato l’idea più azzardata, perché qui c’è un solo display ed è anche all’esterno. Puoi vedere rapidamente i punti deboli guardando la pellicola protettiva. Sfortunatamente, il display si graffia gravemente proprio dietro la piega sul retro. Questo è ovviamente un problema in vista di diversi anni di utilizzo, poiché i display pieghevoli sono stati finora morbidi e quindi soggetti a graffi.

Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs

Il tablet è sempre disponibile come optional

Inoltre, il primo dispositivo di questo tipo è ancora piuttosto goffo, pesante e capiente, ma per lo stato dell’arte è più compatto del previsto. Huawei punta sul concetto dello smartphone, che diventa un tablet con meccanismo pieghevole. Non avrei immaginato in anticipo che questa idea mi sarebbe piaciuta così tanto. Mi è capitato spesso di aprire il display per via della maggiore comodità, ad esempio per il browser la sera sul divano. Funziona già abbastanza bene con la maggior parte delle app.

Naturalmente, anche il multitasking su un display così grande è ottimo. Il primo processo di piegatura è ancora strano, anche il secondo, e ad un certo punto ne diventi dipendente. L’intera struttura sembra sorprendentemente stabile, e anche i rumori di clic forniscono un’enorme soddisfazione. Il fattore di freschezza nei primi giorni di questi smartphone garantisce quel certo qualcosa, hai rapidamente vinto l’aspetto degli altri nello spazio pubblico.

Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs

Il display è bloccato sul retro, un pulsante rosso rilascia la parte piegata. Il display scatta di nuovo in posizione quando lo chiudi o lo pieghi. Tuttavia, come è anche facile vedere, la plastica sul display piace particolarmente alle mie impronte digitali.

Già più lontano del previsto

Tutto sommato, l’Huawei Mate Xs si sente già abbastanza bene. In realtà, Huawei ha costruito un tablet quasi ordinario che può essere piegato e quindi ha un display speciale. Per il resto, il pieghevole Huawei si sente quasi come qualsiasi altro smartphone che gode di una lavorazione di alta qualità. I fattori negativi di una tecnologia così giovane sono pochi, solo il peso di 300 g era troppo per me nella vita di tutti i giorni.

Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs

Huawei è riuscita a trasformare una nuova tecnologia in qualcosa di familiare. E questo con il primo modello in assoluto. Non ci sono compromessi duri, come la mini-batteria dello smartphone Razr o il minuscolo display esterno del primo Galaxy Fold. Non c’è fotocamera frontale, solo un vero altoparlante e il meccanismo di piegatura può essere effettivamente utilizzato solo con due mani, ma queste sono piccole cose.

Come mostrano queste foto, la parte posteriore è in realtà brutalmente piatta. È un piccolo miracolo come tutta la tecnologia ci stia ancora dentro. La gobba su tutta la parte posteriore destra non è nemmeno uno svantaggio, puoi afferrare meravigliosamente il Mate Xs e tenerlo in modalità tablet. Tutto sommato, il Mate Xs si sente incredibilmente stabile, cosa che mi ha colpito particolarmente positivamente.

Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs

Puoi vedere e sentire leggermente la piega sul display, ma in realtà viene rapidamente nascosta di nuovo nella vita di tutti i giorni. Si nota un piccolo rigonfiamento quando si passa il dito sull’intero display. Questa curvatura è appena visibile quando il display è acceso. Ma posso immaginare che il materiale a questo punto non migliori esattamente nel tempo e forse a un certo punto diventerà un problema a causa dell’affaticamento del materiale.

L’idea giusta prevarrà

A prima vista, gli smartphone pieghevoli non sono solo un’idea interessante, ma sono già di altissimo livello con la prima generazione. Ora tocca agli ultimi ritocchi. I dispositivi devono essere più compatti, i display e la protezione dello schermo devono essere durevoli, bisogna trovare il concetto giusto “per tutti”.

Il tablet pieghevole è adatto a coloro che amano raggiungere il tablet, forse anche nella vita lavorativa di tutti i giorni. Ma da lontano, trovo anche piuttosto interessante rimpicciolire i display di smartphone di grandi dimensioni per il trasporto con un solo movimento della mano. Samsung sta già andando nella giusta direzione con il Galaxy Z Flip.

Piegare il display è strano, ma poi diventi dipendente: testato Huawei Mate Xs

Sono pronto per i pieghevoli.