Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon.

Contents

La 70a edizione degli Emmy Awards, tenutasi questo lunedì sera, era preceduto da un’aspettativa tradizionale. Sul palco del gala si doveva risolvere un duello tra due grandi dell’intrattenimento, HBO e Netflix; il lancio tra due importanti serie, ‘Game of Thrones’ e ‘The Handmaid’s Tale’; e il successo di incursioni come Amazon.

Il risultato ha portato poche sorprese. La produzione stellare della HBO, “Game of Thrones”, ha vinto il premio per la migliore serie drammatica, chiarendo che è una delle serie di questo decennio. HBO e Netflix si sono aggiudicati premi, 23 ciascuno; anche se il secondo ha ottenuto più nomination del primo, sì, senza prendere nessuna grande categoria.

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

I tre grandi servizi di streaming, Netflix, Amazon e Hulu, dimostrano il loro dominio aggiungendo 35 premi

Amazon ha vinto anche un importante riconoscimento, il premio per la migliore commedia con ‘The Marvelous Mrs. Maisel’, ottenendo in totale otto statuette. Y FX, allo stesso modo, ha il suo spazio con dodici premi, spiccando soprattutto con il premio per la migliore miniserie/telefilm di questi Emmy 2018, che è andato a ‘American Crime Story: L’assassinio di Gianni Versace’. Hulu ha raccolto quattro premi.

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Lo dimostrano i 35 riconoscimenti ottenuti dai tre maggiori servizi di video on demand, Netflix, Amazon e Hulu l’età dello streaming domina la scena nel mondo della televisione.

Allora ti lasciamo l’elenco completo con tutti i vincitori.

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Vincitori dell’Emmy Award 2018

Miglior serie drammatica: ‘Game of Thrones’

Nominato:

  • ‘Gli americani’
  • ‘La corona’
  • “Il racconto dell’ancella”
  • “Cose più strane”
  • ‘Questi siamo noi’
  • “mondo occidentale”

Miglior attrice protagonista in un film drammatico: Claire Foy, ‘The Crown’

Candidati: Tatiana Maslany (“Orphan Black”), Elisabeth Moss (“The Handmaid’s Tale”), Sandra Oh (“Killing Eve”), Keri Russell (“The Americans”) e Evan Rachel Wood (“Westworld”).

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Miglior attore protagonista in un dramma: Matthew Rhys, ‘The Americans’

Candidati: Jason Bateman (‘Ozark’), Sterling K. Brown (‘This Is Us’), Ed Harris (‘Westworld’), Milo Ventimiglia (‘This is us’) e Jeffrey Wright (‘Westworld’).

Migliore attrice non protagonista in un film drammatico: Thandie Newton in “Westworld”.

Candidati: Lena Headey (‘Game of Thrones’), Millie Bobby Brown (‘ Stranger Things’), Vanessa Kirby (‘The Crown’), Ann Dowd (‘The Handmaid’s Tale’), Yvonne Strahovski (‘The Tale of The Maid ‘) e Alexis Bledel (‘ Il racconto dell’ancella ‘).

Miglior attore non protagonista in un film drammatico: Peter Dinklage in ‘Game of Thrones’

Candidati: Nikolaj Coster-Waldau (‘Game of Thrones’), Mandy Patinkin (‘Homeland’), David Harbour (‘Stranger Things’), Matt Smith (‘The Crown’) e Joseph Fiennes (‘The Handmaid’s Tale’).

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Miglior sceneggiatura drammatica: ‘The Americans’, Joel Fields e Joe Weisberg

Candidati: ‘The Crown’, Peter Morgan; ‘Il Trono di Spade’, David Benioff e DB Weiss; ‘Il racconto dell’ancella’, di Bruce Miller; “Eva che uccide”, Phoebe Waller-Bridge; e ‘Stranger Things’, I fratelli Duffer.

Miglior regia in un film drammatico: ‘The Crown’, Stephen Daldry

Candidati: ‘Game of Thrones’ (“Beyond the Wall”), Alan Taylor; “Il Trono di Spade” (“Il drago e il lupo”), Jeremy Podeswa; “Il racconto dell’ancella”, Kari Skogland; “Ozark” (“The Toll”), Jason Bateman; ‘Ozark’ (“Stanotte Improvvisiamo”), Daniel Sackheim; e ‘Stranger Things’, I fratelli Duffer.

Miglior serie comica: “The Marvelous Mrs. Maisel”

Nominato:

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon
  • ‘Atlanta’
  • “Barry”
  • ‘Nerastro’
  • ‘Frena il tuo entusiasmo’
  • ‘INCANDESCENZA’
  • “Silicon Valley”
  • “L’indistruttibile Kimmy Schmidt”

Miglior attore in una commedia: Bill Hader in “Barry”

Candidati: Anthony Anderson (‘Black-ish’), Ted Danson (‘The Good Place’), Larry David (‘The Larry David Show’), Donald Glover (‘Atlanta’) e William H. Macy (‘Shameless’) .

Miglior attrice in una commedia: Rachel Brosnahan in “The Marvelous Mrs. Maisel”

Candidati: Pamela Adlon (‘Better Things’), Allison Janney (Mom), Issa Rae (‘Insecure’), Tracee Ellis Ross (‘Black-ish’) e Lily Tomlin (‘Grace and Frankie’).

Miglior attore non protagonista in una commedia: Henry Winkler, ‘Barry’

Candidati: Bryan Tyree Henry (‘Atlanta’), Louie Anderson (‘Baskets’), Kenan Thompson (‘SNL’), Alec Baldwin (‘SNL’), Tony Shaloub (‘The Marvelous Mrs. Marvel’) e Tituss Burgess ( “L’indistruttibile Kimmy Schmidt”).

Miglior attrice non protagonista in una commedia: Alex Borstein, ‘The Marvelous Mrs. Maisel’

Candidati: Zazie Beetz (‘Atlanta’), Betty Gilpin (‘GLOW’), Laurie Metcalf (‘Roseanne’), Leslie Jones (‘SNL’), Kate McKinnon (‘SNL’), Aidy Bryant (‘SNL’) e Megan Mullally (“Will and Grace”).

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Miglior sceneggiatura di una commedia: “The Marvelous Mrs. Maisel”, Amy Sherman-Palladino

Candidati: ‘Atlanta’, Donald Glover; ‘Barry’, Alec Berg e Bill Hader; e ‘Silicon Valley, Alec Berg.

Miglior regia di una commedia: ‘The Marvelous Mrs. Maisel’, Amy Sherman-Palladino

Candidati: ‘Atlanta’, Hiro Murai; “Barry”, Bill Hader; ‘La teoria del Big Bang’, Mark Cendrowski; “GLOW”, Jesse Peretz; e ‘Silicon Valley, Mike Judge.

Miglior miniserie: ‘L’assassinio di Gianni Versace’

Nominato:

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon
  • ‘L’alienista’
  • ‘Genio: Picasso’
  • ‘Senza Dio’
  • “Patrick Melrose”

Miglior film per la televisione: ‘USS Callister’ (‘Black Mirror’)

Nominato:

  • ‘Fahrenheit 451’
  • ‘Pietra focaia’
  • ‘Paterno’
  • ‘Il racconto’

Miglior attore in una miniserie o in un film TV: Darren Criss, L’assassinio di Gianni Versace

Candidati: Antonio Banderas (‘Genius: Picasso’), Benedict Cumberbatch (‘Patrick Melrose’), Jeff Daniels (‘The Looming Tower’), John Legend (‘Jesus Christ Super Star LIVE’) e Jesse Plemons (‘Black Mirror’) )

Miglior attrice in una miniserie o in un film TV: Regina King, ‘Seven Seconds’

Candidati: Jessica Biel (“The Sinner”), Laure Dern (“The Tale”), Michelle Dockery (“Godless”), Edie Falco (“Law & Order: True Crime”) e Sarah Paulson (“American Horror Story: Cult ‘).

Miglior attore non protagonista in una serie limitata o film TV: Jeff Daniels, ‘Godless’

Candidati: Brandon Victor Dixon (‘Jesus Christ Superstar’), Ricky Martin (‘L’assassinio di Gianni Versace’), Edgar Ramírez (‘L’assassinio di Gianni Versace’), Finn Wittrock (‘L’assassinio di Gianni Versace’), Michael Stuhlbarg (“La torre incombente”) e John Leguizamo (“WACO”).

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film TV: Merritt Wever, ‘Godless’

Candidati: Adina Porter (‘AHS: Cult’), Letitia Wright (‘Black Mirror: Black Museum’), Sara Bareilles (‘Jesus Christ Superstar’), Penelope Cruz (‘L’assassinio di Gianni Versace’) e Judith Light (‘ L’assassinio di Gianni Versace’).

Miglior regia in una miniserie o in un film TV: “The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story”, Ryan Murphy

Candidati: ‘Godless’, Scott Frank; “Jesus Christ Superstar Live in Concert”, David Leveaux e Alex Rudzinski; ‘La torre incombente’, Craig Zisk; “Paterno”, Barry Levinson; ‘Patrick Melrose’, Edward Berger; e ‘Twin Peaks’, di David Lynch.

Miglior regia speciale di varietà: Gli Oscar, Glenn Weiss

Candidati: ‘Dave Chappelle: Equanimity’, Stan Lathan; ‘Jerry Seinfeld: Jerry prima di Seinfeld’, Michael Bonfiglio; “Steve Martin & Martin Short: una serata che dimenticherai per il resto della tua vita”, Marcus Raboy; e Super Bowl LII Halftime Show con Justin Timberlake, Hamish Hamilton.

Miglior sceneggiatura di varietà: ‘John Mulaney: Kid Gorgeous’, John Mulaney

Candidati: ‘Full Frontal with Samantha Bee: The Great American * Puerto Rico (* It’s Complicated)’, Samantha Bee, Pat Cassels, Mike Drucker, Eric Drysdale, Mathan Erhardt, Miles Kahn e Nicole Silverberg; ‘Michelle Wolf: bella signora’, Michelle Wolf; ‘Patton Oswalt: Annientamento’, Patton Oswalt; e “Steve Martin & Martin Short: una serata che dimenticherai per il resto della tua vita”, Steve Martin e Martin Short.

Regna “Il Trono di Spade”, Netflix sfida i momenti salienti di HBO e Amazon

Miglior reality show competitivo: “RuPaul’s Drag Race”

Candidati: ‘The Amazing Race’, ‘American Ninja Warrior’, ‘Project Runway’, ‘Top Chef’ e ‘The Voice’.

Miglior serie di varietà basata su sketch: ‘Saturday Night Live’

Nominato: ‘At Home with Amy Sedaris’, ‘Drunk History’, ‘I Love You, America’, ‘Portlandia’ e ‘Tracey Ullman’s Show’.

Miglior talk show: “Last Week Tonight with John Oliver”

Candidati: ‘The Daily Show With Trevor Noah’, ‘Full Frontal With Samantha Bee’, ‘Jimmy Kimmel Live’, ‘Late Late Show with James Corden’ e ‘Late Show with Stephen Colbert’.