The Witcher Battle Arena – recensione.

The Witcher – Geralt di Rivia in Polonia probabilmente non ha bisogno di presentazioni. Cacciatore di mostri, un personaggio fantasy creato da Andrzej Sapkowski. Sulla base della saga e delle storie è stato realizzato un film (che però vale la pena dimenticare), oltre a giochi per computer, e soprattutto quest’ultimo ha reso “Wieśek” famoso in tutto il mondo. Secondo molti dei più grandi siti Web del settore, The Witcher 3 Wild Hunt è il gioco più atteso del 2015. Secondo molti, potrebbe essere uno dei migliori giochi di ruolo della storia. Il 2015 apparterrà all’uccisore di mostri? Il tempo lo dirà, ma prima della premiere del terzo gioco (avrà luogo il 19 maggio), ho avuto l’opportunità di conoscere il gioco per cellulare The Witcher Battle Arena. Questa produzione per il segmento mobile sarà la stessa di The Witcher 3 per PC e console? Scoprilo leggendo la recensione qui sotto.

Mi sono imbattuto più volte nello stesso titolo. Prima, a ottobre, ho ricevuto l’accesso alla beta (a cui ho giocato per almeno una decina di ore), e ora, pochi giorni prima del rilascio ufficiale su Google Play, l’ho esaminata molto più a fondo. Veniamo allo specifico. Cos’è esattamente The Witcher Battle Arena? Non è altro che una versione mobile di MOBY, una tipologia di giochi conosciuti da PC (Leaguage of Legends o DOTA). In cui si fronteggiano due squadre (nel Villaggio mobile ci sono gruppi da 3 persone) e il nostro compito è quello di impossessarci dei punti di controllo in modo da restare in loro possesso il più a lungo possibile, e sterminare gli avversari allo stesso tempo. A questo punto i creatori hanno preparato per noi 9 personaggi giocabili, tra i quali possiamo trovare Geralt (nel caso della beta non era disponibile e parte della community si è indignata allora “come sta Wiesiek senza Wiesiek?”, così CDProjekt ha preparato una piccola sorpresa) Zoltan, Saskia Iorweth e molti altri eroi – c’è molto da scegliere e sicuramente ognuno troverà qualcosa per se stesso. I protagonisti sono stati divisi in 3 categorie: quelli che usano l’arco, la magia e la spada. Inoltre, ognuno dei nostri eroi ha un set di tre abilità che possiamo usare durante la battaglia e, insieme alla distruzione dei successivi avversari e alla conquista dei punti di controllo, otteniamo esperienza grazie alla quale possiamo sviluppare abilità individuali. Il secondo bene che riceviamo durante il gioco è l’oro, che a sua volta può essere speso per migliorare l’equipaggiamento in una data battaglia. Qui, ciascuno degli eroi ha tre alberi di sviluppo: arma, difesa e magia, grazie ai quali sviluppiamo il nostro personaggio insieme all’acquisto di altri. Tale sviluppo del personaggio durante il gioco garantisce una certa unicità del gioco – anche se due degli stessi personaggi possono affrontarsi, saranno radicalmente diversi durante la schermaglia. Le basi del gioco sono molto semplici e non richiedono troppo tempo per conoscerle, ma se qualcuno vuole ancora saperne di più sulle meccaniche di gioco, vale la pena iniziare il tutorial prima della prima schermaglia, che presenta le i concetti più basilari del gioco in un video di pochi minuti. che è in inglese.

Il che non sembra infastidire nessuno di questi tempi. Generalmente, i MOBA e altre risse online sono in inglese. Ammetto di non aver ancora incontrato un ragazzo che non capirebbe perfettamente i problemi di questi giochi. Non va d’accordo con nessuno in inglese, ma sfida e gestirà perfettamente il gioco. – JK

The Witcher Battle Arena – recensione

Passiamo ai giochi stessi. RED ha messo a nostra disposizione una modalità in tre varianti. È un confronto 3 contro 3 con giocatori dal vivo (qui abbiamo una versione classificata e non classificata). Vivo contro l’intelligenza artificiale: tanto per cambiare, abbiamo 3 livelli di difficoltà, oltre a un gioco di allenamento, che è particolarmente utile quando vogliamo testare un nuovo personaggio. Il gioco permette anche di dare uno sguardo alle schermaglie attraverso la modalità spettatore. A nostra disposizione, i creatori hanno dato un totale di 2 tabelloni: la Nilfgard Arena e il Korath Desert. Purtroppo, secondo me, ce n’è un po’ troppo poco e dopo un po’ si annoieranno semplicemente. Un’altra cosa è la dimensione delle mappe, speravo in schede più estese e siamo diventate relativamente piccole. D’altra parte, mappe così piccole rendono il gioco più dinamico, perché le schermaglie di solito durano fino a 10 minuti, a meno che non ci sia un combattimento feroce, allora il tempo si estende a 13, ma comunque sono brevi e buone, perché a differenza del PC qui sulle piattaforme mobili è comune giocare una partita in coda dal medico o durante una pausa tra le lezioni. Le battaglie stesse si basano sulla cattura di tre punti di controllo che ci avvicinano alla vittoria, ed è bello distruggere i tuoi avversari. Per quanto riguarda il gameplay in sé, non ho commenti importanti, personalmente mi è mancata la possibilità di una maggiore personalizzazione dell’interfaccia di gioco stessa. Non possiamo cambiare l’ordine delle abilità individuali o spostarle sul lato destro. Un’altra cosa è il modo in cui viene controllato il personaggio, secondo me vale la pena aggiungere un analogo touch virtuale come opzione, quindi potremmo reagire più velocemente e con maggiore precisione a ciò che sta accadendo sullo schermo, e nei giochi veloci questo è estremamente importante. Dopo ogni schermaglia, riceviamo esperienza e corone nilfgardiane, oltre a equipaggiamento aggiuntivo. La prima posizione ci consente di far avanzare il nostro personaggio ai livelli successivi (possiamo migliorare ad esempio la competenza nelle abilità, che aumenta il numero di slot per le abilità o la competenza negli oggetti, che a sua volta si traduce nella capacità di utilizzare attrezzature migliori). Le corone di Nilfgard sono la valuta di gioco che sbloccherà più personaggi, skin e armi. Per quanto riguarda l’equipaggiamento, qui otteniamo elementi aggiuntivi che possiamo assegnare a un personaggio specifico. I RED hanno fornito un totale di tre slot per guanti, cintura e scarpe, questi ci danno profitti aggiuntivi nel gioco stesso e vale la pena dare un’occhiata a cosa indossa attualmente il nostro personaggio.

Per quanto riguarda il bilanciamento del gioco, sarà probabilmente testato dopo l’uscita ufficiale del gioco, ma ho avuto l’opportunità di giocare con tutti i personaggi del gioco e ognuno gioca in modo leggermente diverso, inoltre non ho riscontrato alcun effetto notevole superiorità di uno dei protagonisti sugli altri, CDProjekt avrà la possibilità di rifinire il suo equilibrio quando i server di gioco si riempiranno di giocatori dal vivo, ma mi sembra che ora vada bene. Il gioco manca di alcuni elementi sociali, la mancanza di comunicazione con altri giocatori o la creazione di una rete di amici sono notevoli svantaggi, anche se penso che se il gioco crescerà, verranno aggiunte nuove funzionalità.

The Witcher Battle Arena – recensione

Devo essere d’accordo e in disaccordo qui. Sono d’accordo che dovrebbe esserci una qualche forma di comunicazione e social networking. Senza di essa, è difficile mettere insieme una buona squadra per giocare. D’altra parte, digitando mentre giochi su un touch screen? Non sto nemmeno parlando della piccola quantità di spazio sullo schermo per stipare lì l’interfaccia della chat, ma non riesco a immaginare di toccare l’eroe (il gioco è abbastanza dinamico) mentre scrivi i testi nella finestra della chat. Come dicono le mani oblique, Impossibiru. Preferirei il contatto vocale su tali piattaforme. – JK

Tecnicamente, il gioco sembra fantastico. Sono rimasto particolarmente affascinato dalla grafica, che anche nei primi piani sembra davvero buona e secondo me è uno dei titoli per dispositivi mobili più belli a cui ho avuto l’opportunità di giocare. I modelli dei personaggi sono dettagliati, si muovono in modo leggermente diverso e allo stesso tempo naturale (cosa che, purtroppo, nella maggior parte dei giochi per dispositivi mobili non è scontata), tutto questo ti fa solo venire voglia di giocare ed è bello guardarlo. Per quanto riguarda gli effetti dell’incantesimo o di altre fontane, anch’io non ho obiezioni. Durante il test della beta, avevo dei dubbi sull’ottimizzazione, qui puoi vedere RED ha impiegato molto tempo e lavoro per far funzionare il tutto come dovrebbe, sul mio Alcatel One Touch Hero ho giocato senza tagli, eppure questo modello è non un demone della velocità. I creatori hanno anche preparato diverse opzioni per modificare le impostazioni grafiche, che vanno dalla qualità della grafica alla “dimensione dello schermo”, quindi penso che i giocatori con dispositivi di fascia media potranno godersi il gameplay fluido senza ostacoli. La musica e i suoni del combattimento completano molto bene il tutto, se ti è piaciuta la musica dei trailer di The Witcher 3 dovresti sentirti come a casa. È un peccato che i creatori non abbiano cercato di tradurre in polacco i commenti e le risposte dei nostri protagonisti. Il gioco è stato inizialmente preparato in otto lingue.

The Witcher Battle Arena – recensione

Graficamente è molto bello, ma secondo me i personaggi (almeno alcuni di loro, non mi aspetto che un Golem sia veloce come Iorveth o Geralt) si muovono un po’ troppo lentamente. Non è una questione di ritardi, perché non li ho vissuti per un momento. È proprio come appare nel gioco. Forse questo cambierà un po’ nel tempo. – JK

Il titolo è disponibile gratuitamente sia su Google Play che su Apple App Store, ma prima della premiere si è discusso del modello freemium di The Witcher Battle Arena. Mi calmo subito, Redzi non vuole costringere i giocatori a comprare cose con soldi veri. Nel negozio puoi davvero trovare solo skin per personaggi o armi che non danno profitti aggiuntivi nel gioco stesso, soddisfano solo l’occhio. Onestamente ammetto che le skin aggiuntive sembrano fantastiche e probabilmente molti saranno tentati di acquistare un nuovo vestito per il loro eroe (il mio cuore è stato rubato dalla versione di Zoltan come veterano di Brenna). È importante sottolineare che possiamo anche pagare questi componenti aggiuntivi con la valuta del gioco. Penso che una soluzione del genere sia la più onesta e non distingua i giocatori con un portafoglio più ricco.

The Witcher Battle Arena – recensione

The Witcher Battle Arena è un gioco solido che, se avrà il giusto supporto da parte degli stessi sviluppatori, può contare su un brillante futuro. Ha tutti gli elementi più importanti che possono garantire la sua grande popolarità. Prima di tutto, semplici meccaniche di gioco, bella grafica e tutto questo in un modello freemium disponibile sia su iOS che su Android (la versione per Windows mobile apparirà un po’ più avanti). Personalmente, dopo la premiere del gioco, ci passerò molte ore, anche se non sono un grande fan dei giochi Moba, ma The Witcher lo è sicuramente.

Raccomando anche. Non mi piacciono i giochi a catena che costringono alla cooperazione (le persone sono il più grande svantaggio di questi giochi), ma in questo caso posso fare un’eccezione. Per la gloria della patria! – JK