Più terminali “tutto schermo” di Vivo. Se abbiamo recentemente ricordato il Vivo Nex e la sua fotocamera frontale rimovibile, ora il produttore presenta un nuovo concetto di mobile che rappresenta che potremo vedere nei prossimi telefoni cellulari tutto lo schermo del produttore: il Vivere l’apice 2019.

La presentazione è avvenuta pochi istanti fa in Cina, confermando così l’arrivo di questo secondo Apex che avevano annunciato per oggi, 24 gennaio. Così, dopo un primo Vivo Apex che ha presentato quella fotocamera a scomparsa ed un Vivo Nex Dual Display Edition con doppio schermo e un anello curioso che non ha seguito quella strada, l’Apex 2019 arriva con pochissime cornici e lettura dell’impronta digitale in qualsiasi punto dello schermo.

Il Live dell’era wireless

Vivo ha ricorso ancora una volta alla presentazione di un concept per mostrarne le capacità. L’anno scorso lo ha fatto anticipando quello che sarebbe stato il suo primo (e per il momento unico) cellulare con fotocamera a scomparsa. Il Vivo Apex 2019 sarà il predecessore di un nuovo Vivo Nex 2? È troppo presto per saperlo, ma quello che abbiamo visto per ora è un prototipo funzionale di cellulare che incorpora la lettura dell’impronta digitale integrata sullo schermo, ma ovunque sul pannello.

Quello che abbiamo anche potuto vedere dalla presentazione e dallo streaming di questo utente che ce l’ha è che presenta un design totalmente pulito. Un box senza interruzioni né aggiunte, senza pulsanti né porte, anche se non vediamo un modulo fotocamera frontale o un pannello scorrevole come quello dello Xiaomi Mi MIX 3.

Quindi non ha fotocamera frontale? No, ed è probabilmente perché è un concept e non un prodotto di per sé, e anche guardando l’interfaccia della fotocamera non presentava altro che il pulsante di scatto. Non tutte le specifiche, infatti, sono state specificate né si è parlato di lancio, come accaduto nella presentazione del Vivo Apex durante il MWC del 2018.

Quello che sappiamo di questo Vivo Apex 2019 è che incorpora l’ultimo processore Qualcomm, lo Snapdragon 855, con 12 GB di RAM e una memoria di 512 GB. Al posto dei pulsanti fisici, infatti, ci sono due aree sensibili sui bordi per regolare il volume, e l’auricolare non esiste come nel Vivo Nex, utilizzando la stessa tecnologia per emettere il suono.

Un concept interessante, una vera anteprima?

In questo modo Vivo ci avrebbe dato un antipasto di quello che possiamo vedere nei suoi terminali, proprio come avveniva con quel primo Apex. Forse è per questo che non ci siamo visti un vivo Nex 2 come tale ed è stato nominato con una “Edizione”, quindi non sarebbe sorprendente dai precedenti che vediamo un nuovo cellulare (nessun prototipo) con almeno una parte di ciò che questo Apex 2019 ci ha mostrato.

È piuttosto interessante quel design unibody, che è giusto non è la prima volta che vediamo Visto che recentemente ci è stato mostrato da quelli di Meizu con il Meizu Zero, un cellulare con custodia in ceramica con tecnologia mSound di Meizu per l’audio, (un sistema piezoelettrico trasmette le vibrazioni al pannello), un lettore di impronte integrato nello schermo ed eSIM, quindi non ha un vassoio per le carte fisiche. In effetti, questi cellulari sono l’anticipo di un futuro totalmente wireless poiché sì o sì devono funzionare senza bisogno di connessioni, questa è ricarica wireless, cuffie Bluetooth e altro, senza opzioni.

Sarà necessario vedere tutto questo in un prodotto commerciale, in qualcosa che possiamo almeno testare bene per vedere se questi pulsanti touch funzionano bene a lungo termine e sono in qualche modo più comodi dei bordi comprimibili che abbiamo visto in alcuni HTC e Pixel. E soprattutto che la lettura delle impronte digitali è tanto efficace quanto comoda, dal momento che tutto non è nell’area di lettura e come vediamo nel Vivo Nex, la sensibilità è la chiave per una buona esperienza, soprattutto considerando che senza una fotocamera frontale nemmeno ci sarebbe essere il riconoscimento facciale. Anche se è molto sorprendente che oggi, con il peso del cellulare e l’importanza dei selfie in tutto il mondo e in Asia, sia stato lanciato sul mercato un cellulare senza una fotocamera frontale.